Home Casi “Maddie Mccan è morta”, la Procura tedesca avvisa i genitori della bimba

“Maddie Mccan è morta”, la Procura tedesca avvisa i genitori della bimba

CONDIVIDI

Maddie Mccan è morta. Non sembrano esserci più dubbi riguardo la tragica fine della bimba scomparsa nel 2007 in Portogallo.

maddie mccan

La Procura tedesca ha avvisato i genitori della piccola. Le circostanze della morte non sarebbero state rivelate ai familiari di Maddie Mccan, per non compromettere l’inchiesta.

La comunicazione della Procura

Madeleine Mccan è morta: è la conclusione cui è giunta la Procura tedesca, che ha scritto ai genitori della piccola scomparsa nel 2007, informandoli di avere prove concrete sul decesso della bambina.

Come riferisce anche Fanpage, i Procuratori non hanno rivelato ai familiari le circostanze del decesso, per non rischiare di compromettere l’indagine.

Il principale sospettato resta Christian Brueckner, già in carcere a Kiel, in Germania, per droga e stupro.

“Capisco i genitori, ma se riveliamo maggiori dettagli possiamo compromettere l’indagine”

ha detto il procuratore Wolters.

Obiettivo degli inquirenti è inchiodare l’assassino della piccola Maddie Mccan, senza rischiare di compromettere l’intera indagine, rivelando dettagli sull’omicidio.

“Questo è un caso di omicidio, non di persona scomparsa”

ha precisato il procuratore.

La lettera inviata ai genitori della piccola rappresenta la prima comunicazione ufficiale alla famigla di Madeleine sulla sua morte.

La mamma ed il papà di Maddie hanno chiesto di vedere le prove del decesso.

L’arresto di Brueckener

Grazie ai registri telefonici, la polizia tedesca ha localizzato il 43enne Christian Brueckner vicino al luogo in cui Maddie è scomparsa il 3 maggio del 2007, in Portogallo.

Il 43enne è indagato anche per il caso di Joana, scomparsa a 8 anni, nel 2004, vicino a Praia da Luz. È sospettato di aver rapito anche una bimba tedesca, Inga, nel 2015.

All’età di 17 anni era già stato condannato a due anni di prigione per abusi sessuali su una bimba. Nel 2018 è stato arrestato a Milano, per lo stupro di una turista in Algarve, proprio dove era scomparsa la bambina, mai più ritrovata.