Home Politica Francia, Macron risponde alle proteste razziali, ma rimangono le statue coloniali

Francia, Macron risponde alle proteste razziali, ma rimangono le statue coloniali

CONDIVIDI

Macron risponde alle proteste razziali, ma non abbatterà le statue dell’era coloniale

I manifestanti in Francia hanno espresso rabbia per le discriminazioni razziali all’interno della società francese, in particolare verso le minoranze delle ex colonie del paese in Africa.

Il Presidente francese Emmanuel Macron ha promesso domenica sera di opporsi fermamente al razzismo, ma ha anche elogiato la polizia e ha insistito sul fatto che la Francia non abbatterà statue di controverse figure dell’era coloniale.

Ieri sera, in un discorso televisivo alla nazione, Macron ha invocato l'”unità” della Francia in un momento difficile visto che il paese sta cercando di lasciarsi alle spalle la crisi del coronavirus ed è scosso da una serie di proteste contro l’ingiustizia razziale e la brutalità della polizia.

Facendo eco ai manifestanti americani, i manifestanti in Francia hanno espresso rabbia per le discriminazioni razziali all’interno della società francese, in particolare verso le minoranze delle ex colonie del paese in Africa.

Macron si batterà per garantire che tutti possano “trovare il loro posto” indipendentemente dall’origine etnica o religione.

Ha promesso di essere

“intransigente di fronte al razzismo, all’antisemitismo e alla discriminazione”.

Tra le richieste di abbattere le statue legate alla tratta degli schiavi, Macron ha affermato che

“la Repubblica non cancellerà alcuna traccia o nome dalla sua storia … non abbatterà alcuna statua”.

“Dovremmo guardare tutta la nostra storia insieme alla lucidità”,

compresi i rapporti con l’Africa, con un obiettivo di “verità”

invece di

“negare chi siamo”,

ha dichiarato il Presidente Macron.

Le tensioni della Francia

Nel frattempo, il governo francese sta affrontando una situazione di crescente pressione per affrontare le proteste razziste e gli scontri violenti della polizia.

Almeno 15.000 persone hanno manifestato a Parigi sull’onda del movimento americano.

In risposta, il governo ha promesso di sradicare il razzismo tra la polizia, ma ciò ha fatto arrabbiare i sindacati di polizia, i quali affermano di essere ingiustamente dipinti come “suprematisti bianchi” e hanno organizzato proteste per conto proprio.

Il Ministro del Governo Sibeth Ndiaye – uno stretto alleato di Macron e uomo di colore più importante dell’attuale politica francese – ha scritto sabato a Le Monde un saggio personale, chiedendo alla Francia di ripensare la sua dottrina daltonica, che mira a incoraggiare l’uguaglianza ignorando del tutto la razza.

“Non dobbiamo esitare a nominare le cose, per dire che un colore della pelle non è neutro”,

ha scritto.

Ha invitato i francesi a

“confrontare i nostri ricordi”

sulla loro storia e trovare una

“narrativa condivisa”

con le ex colonie.

Francia, Riapertura dopo il lockdown

Il discorso di Macron ha anche cercato di

“voltare pagina”

dopo il drammatico capitolo dell’emergenza epidemiologica Covid-19.

Oggi la Francia riaprirà quasi tutto: le restrizioni hanno iniziato ad essere gradualmente allentate l’11 maggio dopo due mesi di lockdown.

“Ritorneremo al nostro modo di vivere, al nostro gusto per la libertà”,

ha dichiarato Macron.

“In altre parole, riscopriremo di nuovo la Francia”.

I ristoranti della zona di Parigi potranno aprire le sale interne a partire da lunedì, anziché solo posti a sedere all’aperto.

Macron ha promesso di fare del maggior numero possibile di lavori la sua massima priorità.

Una previsione della scorsa settimana dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha mostrato che l’economia francese subirà più della maggior parte della prossima recessione.

Si prevede che quest’anno l’economia francese si ridurrà almeno dell’11% per cento, spingendo molti senza lavoro e silurando gli obiettivi del signor Macron di abbattere la disoccupazione, ridisegnare il sistema pensionistico e rendere la Francia più competitiva a livello globale.

La Francia riaprirà i suoi confini con altri paesi europei a mezzanotte e dal primo luglio i turisti extra UE potranno soggiornare in Francia.

Pur avendo uno dei migliori sistemi di assistenza sanitaria del mondo, la Francia era pericolosamente a corto di tutti i tipi di mascherine.

Più di 80 azioni legali sono state intentate per accusare il governo di omicidio colposo, negligenza o maltrattamenti della crisi del virus.