Home News Lvmh-Tiffany, acquisizione “saltata”: il colosso francese ha avviato una causa in Tribunale

Lvmh-Tiffany, acquisizione “saltata”: il colosso francese ha avviato una causa in Tribunale

CONDIVIDI

Il gruppo francese Lvmh si “sfila” e fa un passo indietro nell’acquisizione di Tiffany: i legali del colosso del lusso francese hanno depositato al tribunale del Delaware un documento di 96 pagine per opporsi alla causa di Tiffany.

Lvmh Tiffany

Lvmh ha deciso di rinunciare all’acquisto del gruppo americano della gioielleria in una operazione da 16 miliardi di dollari.

Tra i buoni motivi della rinuncia all’acquisizione c’è la performance “catastrofica” durante i mesi della pandemia che l’ha portata ad avere prospettive “pessime”.

Accordo LVMH-Tiffany: “salta” l’acquisizione ed è battaglia legale

Il colosso francese LVMH avvia una battaglia legale per uscire dal suo accordo da 16 miliardi di dollari per acquistare la gioielleria statunitense Tiffany & Co, con esperti legali che noteranno che la maggior parte delle fusioni che finiscono in tribunale sono rinegoziate piuttosto che sciolte.

Tiffany la scorsa settimana ha citato in giudizio LVMH al Delaware Court of Chancery, il principale tribunale degli affari degli Stati Uniti, dopo che il produttore di borse Louis Vuitton ha detto che non poteva completare l’acquisizione.

La mancata acquisizione di Tiffany è cagionata dalla decisione del governo francese di ritardare la chiusura e dal deterioramento delle prospettive commerciali di Tiffany a causa della pandemia COVID-19.

LVMH ha accusato Tiffany di aver gestito male le ricadute finanziarie della pandemia: ciò ha innescato un effetto avverso che annulla il perfezionamento dell’accordo.

“L’inclinazione è di salvare l’accordo dove è possibile e dove non sconfigge l’accordo delle parti dell’accordo,”

ha detto Larry Hamermesh, professore emerito alla Delaware Law School.

Tiffany ha rifiutato di commentare. LVMH ha annunciato che non ci sono ragioni oggettive per cui la prossima prova non dovrebbe avvenire in un lasso di tempo immediato.

“Tiffany teme chiaramente una decisione equa”,

ha sottolineato LVMH in una dichiarazione.

Tiffany richiede una sentenza prima di una scadenza del 24 novembre per completare l’affare. LVMH ha sottolineato che non c’è alcun motivo per concludere rapidamente un processo.