Home News Lvmh, passo indietro nell’acquisizione di Tiffany: salta takeover dopo una lettera del...

Lvmh, passo indietro nell’acquisizione di Tiffany: salta takeover dopo una lettera del governo di Parigi

CONDIVIDI

Lvmh Moet Hennesy fa un passo indietro nell’acquisizione da 16 miliardi di dollari di Tiffany. Il motivo? Scelte politiche.

LVMH

Quello che è certo è che Tiffany non finirà in mano dei francesi dopo una lettera del governo francese che chiede a Lvmh di ritardare l’operazione oltre il 6 gennaio 2021, alla luce dell’introduzione dei nuovi dazi tariffari degli Stati Uniti sui prodotti francesi.

Acquisizione Tiffany in forse da parte del gruppo LVMH

Tiffany & Co (TIF.N) ha citato in giudizio LVMH (LVMH.PA) mercoledì dopo che il colosso francese dei beni di lusso ha annunciato al gruppo statunitense che non poteva completare l’accordo da 16 miliardi di dollari per acquisirlo a causa di una richiesta del governo francese e dell’impatto del coronavirus.

Il colosso francese LVMH, guidato dal miliardario Bernard Arnault, ha riferito che il consiglio di amministrazione ha ricevuto una lettera dal ministero degli Esteri francese.

Si chiede al gruppo francese di ritardare l’acquisizione di Tiffany al 6 gennaio 2021, data la minaccia di ulteriori tariffe statunitensi contro i prodotti francesi.

Ciò, ha affermato LVMH, ha reso impossibile rispettare la scadenza contrattuale del 24 novembre per completare l’acquisizione, aggiungendo di non essere disposta a estendere ulteriormente l’accordo.

L’intervento dello Stato francese ha segnato l’ultima svolta nel tentativo di avviare una strategia di acquisizione del brand di lusso.

Lvmh, salta l’accordo per acquisire il colosso dei gioielli Tiffany: ragioni politiche

“Sono sicuro che capirai la necessità di prendere parte agli sforzi del nostro paese per difendere i suoi interessi nazionali”,

ha scritto ad Arnault il ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian.

“L’accordo non può avvenire. Ci è proibito concludere l’accordo”,

ha riferito ai giornalisti Jean Jacques Guiony, capo della finanza di LVMH, in una teleconferenza. Bloomberg News ha riferito, citando una fonte che non ha identificato, che Arnault ha chiesto aiuto al governo francese per ritirare l’accordo con Tiffany, ma Guiony ha detto che la lettera non era richiesta ed è stata una sorpresa totale per LVMH.

Una fonte del governo francese ha affermato che la lettera aveva un “valore politico” e aveva lo scopo di avvisare il gruppo francese LVMH dei rischi di perseguire l’accordo.

La Casa Bianca non ha risposto alla richiesta di un intervento da parte del governo francese.

“Il governo francese è sicuramente molto attivo nella difesa dell’interesse nazionale francese. Ma questo ha significato nella maggior parte dei casi impedire l’acquisizione di società francesi”,

ha affermato Luca Solca, analista di beni di lusso presso Bernstein.