Home News La Morte per ‘un tumore impietoso’ Andrea Vianello, lo straziante addio sui...

La Morte per ‘un tumore impietoso’ Andrea Vianello, lo straziante addio sui social alla cugina Susanna

CONDIVIDI

Grave lutto per Edoardo Vianello e  Wilma Goich, lo straziante messaggio di addio sui social: “un tumore cattivo e impietoso l’ha portata via.”

Lutto Andrea Vianello

Un grave lutto ha colpito la famiglia Vianello. Si è spenta la figlia di Edoardo e Wilma, Susanna. La notizia è trapelata sui social con uno straziante messaggio di addio dal parte del cugino, Andrea: le parole del noto giornalista su Twitter.

Lutto per Edoardo e Wilma: addio alla figlia Susanna

Niente potrà mai colmare il dolore provocato dalla perdita di un figlio. Questo è il dolore con cui Edoardo e Wilma devono fare i conti: si è spenta, a soli 49 anni la figlia, Susanna. Era molto conosciuta nella capitale per la sua grande simpatia e professionalità: era, infatti, la speaker radiofonica di Radio Italia Anni 60 Roma.

Lutto

Da quanto emerge dal messaggio pubblicato dal cugino sui social, la speaker è stata colpita un mese fa da un tumore aggressivo che non le ha lasciato scampo. Come già accennato, la notizia della sua scomparsa è stata diffusa sui social da Andrea Vianello, noto giornalista e conduttore televisivo: ecco le sue parole.

Il messaggio di addio su Twitter

Il cugino di Susanna ha scritto un breve ma profondo messaggio di addio dedicato a lei:

“La mia cugina bella e forte, un tornado di talento e di simpatia, non c’è più. In un mese appena, un tumore cattivo e impietoso l’ha portata via.”

Il noto giornalista ha poi aggiunto:

“Avrebbe fatto tra poco appena 50 anni e lascia un figlio di 23. Aveva molti amici, anche qui. Ci mancherà molto”.

Molti hanno espresso la loro vicinanza alla famiglia, tra questi anche Salvo Sottile che ha commentato così quanto accaduto:

“Ci mancherà tantissimo, donna dolce e generosa”

Mentre Fiorello ha scritto:

“La mia amica Susanna è volata via. Abbiamo riso tantissimo… non ti dimenticherò mai”.

La redazione di LettoQuotidiano si stringe attorno al dolore della famiglia.