Home News Luna Rossa prenota la finale di America’s Cup con una vittoria per...

Luna Rossa prenota la finale di America’s Cup con una vittoria per 7-1 su INEOS Team UK

CONDIVIDI

Gli italiani vincono le Prada Cup Challenger Series sul campione olimpico Ben Ainslie e affronteranno Emirates Team New Zealand nella 36a America’s Cup a partire dal 6 marzo.

Luna Rossa vince la Prada Cup.

Il team azzurro è guidato dallo skipper e direttore del team Max Sirena.

Un risultato straordinario

Gli italiani nella 36a America’s Cup affronteranno i campioni in carica e i padroni di casa Emirates Team New Zealand, per contendersi il trofeo sportivo più antico al mondo.

Per gli italiani è il tre volte olimpionico Francesco Bruni, che ha condiviso la sua gioia per la vittoria urlando nella telecamera un

“Fantastico”

aggiungendo orgogliosamente

“E’ un grande giorno per noi e per Luna Rossa ed è un grande giorno per l’Italia. E’ stata una finale difficile e ci aspetta una bella lotta in Coppa America”.

Il team Luna Rossa Prada Pirelli è entrato nel quarto giorno della finale con un vantaggio di 5-1, sapendo che la vittoria nelle due regate di domenica avrebbe assicurato la vittoria assoluta.

Il team britannico guidato dal campione olimpico Ben Ainslie, e con la collega medaglia d’oro Giles Scott come tattico, erano sotto grande pressione dopo aver subito cinque perdite di fila all’inizio della serie finale della Prada Cup.

Condizioni favorevoli

Importante anche la situazione del vento leggero, che ha evidenziato come Luna Rossa Prada Pirelli ha potuto superare di nuovo il team britannico, una condizione che ha favorito gli italiani.

Come riferisce La Stampa, una dimostrazione di come la barca italiana sia molto potente con un vento sotto i 12 nodi.

Il campione olimpico Ben Ainslie Ben Ainslie ha detto:

“Ben fatto a Luna Rossa e ben fatto all’Italia. Siamo ovviamente delusi di non essere passati”.

L’unica altra volta che Luna Rossa ha raggiunto l’America’s Cup è stato vent’anni fa, quando gli sfidanti erano anche il Team New Zealand e l’evento si è svolto sempre ad Auckland.

Lo skipper Sirena faceva parte di quella squadra che perse contro i neozelandesi.

Sirena è riuscito a condurre gli italiani alla vittoria fino ad ora, ed è ansioso di ottenere la vittoria nel più difficile e antico trofeo dello sport internazionale.
Max Sirena commentando la vittoria della Prada Cup:

“Sono felice per il team perché è stata una coppa non facile finora ed è giusto che oggi si godano la giornata e poi da domani pensiamo a Team New Zealand”.

Il successivo traguardo resta quello di riuscire a conquistare finalmente il trofeo e portarlo in Italia, sebbene i neozelandesi siano sicuramente un avversario molto temibile.