Home Cronaca L’ultimo saluto al piccolo Pietro, il bambino di 9 anni morto impiccato

L’ultimo saluto al piccolo Pietro, il bambino di 9 anni morto impiccato

CONDIVIDI

I funerali del bambino morto una settimana fa a Bari si sono svolti questa mattina.

bambino morto impiccato funerali

Grande commozione per l’addio a Pietro: presenti tutti i suoi compagni di classe.

La morte del piccolo Pietro

Era il pomeriggio di lunedì scorso quando il quartiere San Girolamo a Bari fu colpito da un tremendo lutto. Un bambino di 9 anni venne trovato senza vita nella sua cameretta. 

Ad ucciderlo una corda che il piccolo si sarebbe stretto intorno al collo. A fare la drammatica scoperta era stata la madre, che aveva trovato il figlio inerme nella sua cameretta.

La donna allertò immediatamente i soccorsi, ma per il piccolo non ci fu nulla da fare.

La corda che Pietro si era stretto intorno al collo lo aveva ucciso, facendolo morire per asfissia.

Dietro quel drammatico gesto ci sarebbe stata la voglia di emulare quanto successo qualche giorno prima ad un’altra bambina, la piccola Antonella, morta a 10 anni, per partecipare ad una sfida social.

Sembra che il piccolo fosse rimasto molto colpito dalla storia di quella bambina palermitana, deceduta in un modo così assurdo.

Il piccolo si sarebbe stretto la corda intorno al collo, inconsapevole di quanto di lì a poco gli sarebbe accaduto e soprattutto inconsapevole dei rischi.

L’ultimo saluto al piccolo Pietro

Questa mattina il quartiere di San Girolamo ha salutato per l’ultima volta il piccolo Pietro.

Amichetti di classe e parenti si sono stretti attorno alla famiglia del bambino.

I suoi compagni hanno fatto volare in cielo palloncini bianchi.

Durante l’omelia, il vescovo ha invitato la folla commossa presente alla cerimonia a far sentire la propria vicinanza alla famiglia di Pietro.

Nessuna parola dai genitori del bambino e dalla sorellina 14enne, che sono rimasti per lungo tempo in silenzio davanti alla bara.

Intanto proseguono le indagini per accertare quanto accaduto. Il bambino non aveva un cellulare di sua proprietà, ma utilizzava quello della madre per girare e condividere qualche video sul canale Youtube.

Nell’ultimo video, prima della tragedia, aveva mostrato il suo nuovo taglio di capelli.

Gli inquirenti hanno sequestrato tutti i dispositivi elettronici, per accertare eventuali coinvolgimenti da parte di terzi.