Home Politica Luigi Di Maio, coronavirus in Italia: “Specialisti dalla Cina per portarci la...

Luigi Di Maio, coronavirus in Italia: “Specialisti dalla Cina per portarci la loro esperienza”

CONDIVIDI

La questione coronavirus in Italia deve essere affrontata in maniera rapida e il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio incontrerà dei medici specialisti in arrivo dalla Cina.

Luigi Di Maio, coronavirus in Italia: "Specialisti dalla Cina per portarci la loro esperienza"
Luigi Di Maio

Luigi di Maio ha confermato che dalla Cina arriveranno degli specialisti sul coronavirus che potranno dare delle informazioni necessarie per combattere questa situazione annosa.

I professionisti dalla Cina: le parole del Ministro degli Esteri

Il Ministro degli Esteri ha annunciato nella serata di ieri che stanno per arrivare in Italia alcuni professionisti. Sono medici specialisti che si sono occupati della questione coronavirus e che vogliono intervenire e dare un aiuto concreto al nostro Paese.

La situazione si sta evolvendo e sono molti i nuovi casi registrati nelle ultime ore, tanto da portare a nuove misure restrittive e ampliare la zona rossa a tutte le regioni.

Il Ministro ha confermato:

“dalla Cina arriveranno medici esperti: non che ai nostri serva davvero qualcunoche gli insegni il proprio lavoro”

Volendo specificare che questo incontro e collaborazione dovrà essere visto come opportunità per avere informazioni e consigli da chi ha affrontato il virus prima dell’Italia.

“il patrimonio di informazioni raccolto dalla sanità italiana durante l’emergenza coronavirus sarà a disposizione di tutta l’europa”

Volendo mettere in luce la grande esperienza e lavoro dei ricercatori italiani nella lotta contro questo virus. Un annuncio dato a seguito dell’incontro con il titolare della Farnesina, al fine di collaborare e avere un rapporto diretto con il suo omologo cinese:

“dalla cina arriveranno altri 1000 nuovi respiratori polmonari oltre  a due milioni di mascherine: 100 mila delle quali ad alta tecnologia, 20 mila tute protettive e 50 mila tamponi per i test sul coronavirus”