Home Casi Luca Sacchi, la relazione tra Anastasiya e Princi tra le chat criptate:...

Luca Sacchi, la relazione tra Anastasiya e Princi tra le chat criptate: “Una professionista”

CONDIVIDI

Sul caso terribile di Luca Sacchi sono molti gli elementi che si stanno aggiungendo, come una relazione tra Princi e Anastasiya nonchè le chat criptate per non far conoscere i contenuti

Luca Sacchi
Luca Sacchi

L’omicidio di Luca Sacchi sta diventando un caso altamente complicato, dovendo considerare tutto quello che ruota intorno ad Anastasiya e l’amico Princi come le chat criptate

La relazione tra Princi e Anastasiya

Mentre Valerio Del Grosso ha chiesto un confronto con i Pm per dire tutta la verità e si attende l’interrogatorio dei protagonisti principali della storia, emergono elementi sconcertanti.

Facendo un piccolo passo indietro in questa complicata storia, i genitori della vittima avevano evidenziato una strana intesa tra la fidanzata e l’amico. Uno sguardo in estate e il sospetto da parte della mamma di Luca che i due potessero nascondere qualcosa.

Come evidenzia anche Libero Quotidiano, gli investigatori sostengono che tra i due ci possa essere stata una relazione. In effetti, lo stesso Luca poco prima dell’omicidio, aveva raccontato dei cambiamenti radicali della fidanzata.

Tra i due, sempre secondo gli inquirenti ci sarebbe:

“un rapporto che andava oltre la mera complicità criminale”

Questa l’ordinanza in Procura dove si fa riferimento ai tanti contatti telefonici tra i due a tutte le ore: messaggi dolci, tenerezze e scambi di opinione in maniera non del tutto amichevole.

Le chat criptate di Anastasiya

La donna che ha visto morire il suo fidanzato per mano di Valerio Del Grosso e che portava uno zainetto con 70mila euro, verrà interrogata nelle prossime ore.

Un dettaglio che non è sfuggito agli inquirenti – dopo averle sequestrato il cellulare – sono le chat criptate che utilizzava per scambiare messaggi e informazioni. La ragazza utilizzava l’applicazione Signal (come racconta anche Leggo), che permette di schermare messaggi e chiamate con autoeliminazione diretta delle conversazioni. Che cosa doveva nascondere?

I giudici hanno evidenziato:

“dimostra una chiara e predominante volontà di preservale le relazioni criminali acquisite nel mondo della droga. è una professionista”

Nelle prossime ore si aggiungeranno nuovi elementi che compongono il puzzle di questo caso.