Home Politica “Lombardia zona rossa sino al 3 dicembre”, la reazione di Fontana e...

“Lombardia zona rossa sino al 3 dicembre”, la reazione di Fontana e la resa di Speranza

CONDIVIDI

È scontro e poi resa tra Attilio Fontana e il Ministro Speranza per la zona rossa in Lombardia sino al 3 dicembre.

"Lombardia zona rossa sino al 3 dicembre", la reazione di Fontana e la resa di Speranza

Lombardia nel mirino come zona rossa sino alla prossima settimana, ma Fontana non ci sta e lo scontro diventa inevitabile.

Lombardia mantiene la zona rossa?

Il Governatore della Lombardia ha dichiarato che nonostante tutte le opposizioni che ci sono state in questi giorni, sembra che il Governo voglia lasciarla in zona rossa senza passare alla zona arancione.

Secondo il Governatore invece:

“restare in zona rossa significa non fotografare la realtà dei fatti e non considerare grandi sacrifici compiuti dai cittadini lombardi”

Uno sfogo che fa eco con gli altri Governatori che sperano nella giornata di oggi per un passo in avanti, dopo l’incontro con le Regioni insieme al Ministro Speranza e Boccia mandato avanti in vista del nuovo DPCM.

Il Governatore Fontana evidenzia che nel testo che ad oggi è in vigore ci sono degli automatismi secondo cui la Lombardia sarebbe da due settimane già nei paramentri per il passaggio alla zona arancione:

“ho fatto presente al govrno che come si applicano gli automatismi in senso negativo, gli stessi devono essere attuati quando la situazione migliora”

Le parole del Ministro Speranza

Nella serata di ieri c’è stato uno scontro acceso con il Ministro Speranza. Proprio il Governatore rende noto che dopo una discussione entrambi si trovano d’accordo sul fatto che il modello predisposto dal Governo metta in luce dei requisiti che la Lombardia ad oggi possiede:

“ci siamo lasciati con l’impegno di riaggiornarci molto presto per verificare quella che realmente può essere la data giusta per allentare le misure restrittive nella nostra Regione”

I Governatori sono tutti concordi invece sul tema scuola, indicando che una riapertura in questo periodo non sarebbe una mossa opportuna considerando l’imminente pausa per le festività Natalizie.