Home News Lombardia, 100 milioni di risorse per migliorare la qualità dell’aria

Lombardia, 100 milioni di risorse per migliorare la qualità dell’aria

CONDIVIDI

L’assessore di Ambiente e Clima della Lombardia, Raffaele Cattaneo, ha commentato i dati del Sistema nazionale di protezione ambientale.

Lombardia
L’assessore ha spiegato come non bisogna preoccuparsi solo dell’inquinamento veicolare

L’assessore della Regione Lombardia di Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, ha commentato il report diffuso quest’oggi dal Sistema nazionale di protezione ambientale. I dati raccolti, infatti, si andranno a sommare al report sulla “Mal’aria di città 2021 di Legambiente”.

L’inquinamento veicolare si sarebbe abbassato molto negli ultimi anni

Cattaneo, in primis, ha ribadito come il traffico veicolare non sia il solo fattore a causare inquinamento. Infatti, come confermato dai dati, nel corso degli ultimi anni c’è stata una riduzione progressiva di Pm10 e Pm2.5, e di biossido di azoto (No2).

Nel rapporto l’assessore, inoltre, specifica come la Padania si trovi in un bacino di svantaggio per quanto concerne la qualità dell’aria. Nello specifico ad influire sarebbero le particolari condizioni di natura orografica e meteo-climatica.

Nonostante le criticità non sarebbe in programma nessun intervento

Inoltre, questo è lo stesso motivo per cui le Regioni che intaccano la pianura padana hanno bisogno di maggiori attenzioni. Tutto questo però, come spiegato da Cattaneo, va in disaccordo con la mancanza di interventi previsti nella bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

“Per affrontare alla radice il problema il Sistema nazionale di protezione ambientale (Snpa) conferma che non si deve agire solo sulla mobilità. Ma occorre intervenire su tutte le fonti di emissione, come riscaldamento domestico ed emissioni in agricoltura, che generano particolato secondario in atmosfera”.

Infine l’assessore ribadisce come proprio a causa di ciò hanno messo a disposizione 100 milioni di euro di incentivi. Queste risorse saranno mirate alla sostituzione dei veicoli più inquinanti, all’aggiornamento dei sistemi di riscaldamento più dannosi per l’ambiente e l’installazione di colonnine di ricarica elettrica.

Sarebbero queste le politiche che intende adottare la Lombardia, molto di più del semplice blocco dei veicoli inquinanti come ribadito da Raffaele Cattaneo.