Home News Lockdown in tutta Italia: i medici lo chiedono a gran voce

Lockdown in tutta Italia: i medici lo chiedono a gran voce

CONDIVIDI

L’Ordine dei Medici ha chiesto a gran voce un lockdown generalizzato per tutta Italia. Secondo loro, sarebbe l’unico modo per far abbassare la curva epidemiologica.

lockdown italia

I nuovi contagi e i tanti ricoveri hanno fatto sì che i medici chiedessero al Governo, dati alla mano, un nuovo lockdown in Italia.

I dati in crescita spaventano

Lockdown in tutta Italia: questa la richiesta dell’Ordine dei Medici al Governo Italiano. In particolare, a farne richiesta è stato il rappresentante della Fnomceo Filippo Anelli attraverso la pagina Facebook della federazione.

Il medico ha sottolineato il fatto che i dati nazionali non tengono conto della media attuale dei 10 mila morti e delle terapie intensive occupate. Se l’andamento continua così, gli incrementi non possono che essere ulteriori. Il medico teme che se non verrà fatto un lockdown a dicembre sarà ancora peggio, con circa 10 mila decessi.

Un post su Facebook

Nel post si legge:

“O blocchiamo il virus o sarà lui a bloccarci perché i segnali ci dicono che il sistema non tiene ed anche le regioni ora gialle presto si troveranno nelle stesse condizioni delle aree più colpite”.

Inoltre, se il trend restasse questo, le persone in rianimazione, in meno di 30 giorni potrebbero diventare 3000.

Certamente un lockdown per tutta Italia è una presa di posizione estrema. Intanto, però, altri paesi europei, con dati ad oggi più drammatici, lo stanno già adottando.

I ricoverati della settimana, in media, sono stati 1000. Un dato che può essere tradotto nel fatto che il trend non è in discesa. I ricoverati alla data dell’8 dicembre potrebbero essere circa trentamila, che si aggiungerebbero ai ventiseimila odierni. Nello scorso marzo, era stato detto che il numero di 5000 era il tetto massimo per le terapie intensive. Oggi, però, stando alle dichiarazioni del governo, sarebbero aumentate ad 11000. Nonostante questo aumento, manca ancora il personale.