Home Spettacolo Lino Banfi in mano agli usurai per difficoltà economiche, l’attore rivela il...

Lino Banfi in mano agli usurai per difficoltà economiche, l’attore rivela il dramma degli anni ’60

CONDIVIDI

Lino Banfi in un’intervista ha raccontato il dramma economico vissuto per alcuni problemi che l’hanno anche portato nelle mani degli usurai

Lino Banfi
L’attore Lino Banfi in mano agli usurai

Lino Banfi il nonno più amato d’Italia, si è raccontato a 360° in un intervista. Il nonno ha infatti rivelato una verità scioccante che ha lasciato i suoi carissimi fan a bocca aperta

Lino Banfi in mano agli usurai

L’attore e il nonno di Un medico in famiglia, si è raccontato, rivelando anche di un periodo non del tutto facile per lui. Parliamo di anni fa, quando Lino Banfi è finito nelle mani degli usurai.

Il noto attore barese infatti ha avuto una vita piena di successi televisivi che lo hanno reso il nonno più acclamato d’Italia, sopratutto per il personaggio interpretato in Un medico in Famiglia come Nonno Libero.

Banfi e le difficoltà economiche in passato

Ma Lino Banfi non ha avuto come si può credere, una vita semplice. L’attore racconta infatti in un intervista di essere finto in mano a persone poco raccomandabili chiedendo un prestito di circa 800 Mila Lire. All’epoca Banfi non viveva nell’oro e dovette chiedere aiuto a queste persone. Purtroppo la situazione peggiorò quando dovete restituire non pi 800 mila lire, bensì 3 milioni di interessi:

“Negli anni Sessanta, chiedemmo un prestito a degli usurai, una piccola somma. Questa piccola somma però crebbe all’inverosimile e dovemmo restituire la bellezza di 3 milioni ai ‘cravattari’”

ha rivelato Banfi.

Il nonno più amato d’Italia ha raccontato quest’aneddoto riferendosi ad un periodo molto difficile della sua vita, ovvero quando lui e la sua Lucia si sposarono. Banfi e sua moglie infatti appena marito e moglie, dovettero affrontare periodi  molto difficili tanto da arrivare a chiedere un prestito economico agli usurai. Fortunatamente quel periodo finì in fretta il resto è storia.