Home News Crisi Covid: LinkedIn taglia 960 posti di lavoro per il calo delle...

Crisi Covid: LinkedIn taglia 960 posti di lavoro per il calo delle assunzioni

CONDIVIDI

LinkedIn, a rischio posti di lavoro a causa dell’emergenza Covid-19.

linkedin posti lavoro

Anche sui Social si abbatte la crisi economica indotta dall’emergenza pandemica Covid-19.

Il popolare Social LinkedIn ha annunciato che licenzierà il 6% della sua forza lavoro in tutto il mondo, per un totale di circa 960 posti, proprio a causa dell’impatto negativo della pandemia sulle nuove assunzioni.

I tagli interesseranno circa il 6% della forza lavoro dell’azienda in tutto il mondo, incluso il Regno Unito.

In una nota aziendale, l’amministratore delegato Ryan Roslansky ha dichiarato che questi erano gli unici licenziamenti che l’azienda stava pianificando.

L’annuncio giunge dopo che comparti come le compagnie aeree hanno annunciato il taglio di posti di lavoro in tutto il mondo.

LinkedIn taglia posti lavoro a causa del calo delle assunzioni in tutto il mondo

LinkedIn di proprietà di Microsoft ha uffici in oltre 30 città in tutto il mondo e dà lavoro a 16.000 persone.

L’azienda, che ha sede in California, consente ai datori di lavoro di trovare candidati idonei a ricoprire posizioni vacanti.

Roslansky ha affermato che LinkedIn

“non è immune agli effetti della pandemia globale”.

“La nostra attività di Talent Solutions continua ad essere influenzata dal fatto che un numero inferiore di aziende, compresa la nostra, deve assumere allo stesso volume che avevano precedentemente”.

I tagli dei posti di lavoro sono in corso nelle divisioni globali di vendita e assunzione del gruppo.

“Voglio che sappiate che questi sono gli unici licenziamenti che stiamo pianificando”,

ha affermato Roslansky.

Negli ultimi mesi, le aziende di tutto il mondo hanno perso decine di migliaia di posti di lavoro, mentre lottano per contrastare gli effetti della riduzione della domanda causata dal coronavirus.

Questa settimana la più grande compagnia aerea indiana IndiGo ha dichiarato che taglierà il 10% del suo personale e il rivenditore britannico Marks & Spencer ha annunciato 950 perdite di posti di lavoro.

Roslansky ha affermato che dipendenti in Irlanda, Regno Unito e Australia hanno già iniziato a consultarsi sul potenziale impatto sui posti di lavoro.