Home News Liguria, positiva anziana all’interno di una Rsa: si temono nuovi focolai

Liguria, positiva anziana all’interno di una Rsa: si temono nuovi focolai

CONDIVIDI

L’anziana è il primo caso in una casa di riposo in Liguria. Si teme un nuovo focolaio per dipendenti e residenti della Residenza Sanitaria Assistenziale.

Liguria anziani
Il rischio è quello di un nuovo focolaio.

Scoppia un nuovo campanello d’allarme causato dal coronavirus nella regione ligure. A distanza di 4 mesi dall’ultimo contagiato in una casa di riposo della Liguria, infatti, un’anziana, residente in una Rsa, ha contratto il terribile virus.

La Rsa di San Camillo potrebbe rivelarsi un focolaio per il virus

Nello specifico, il tutto sarebbe avvenuto nella Residenza Sanitaria Assistenziale di San Camillo del Righi, situata alle spalle del centro città. Inoltre, la struttura offre ai suoi visitatori un bellissimo scorcio sulla città e sul golfo di Genova.

Purtroppo però, oltre alla donna contagiata di 90 anni e attualmente ricoverata all’ospedale Galliera, si teme per una diffusione del virus nella struttura. Infatti, in caso di diffusione del Covid-19 fra i residenti e gli addetti ai lavori potremmo trovarci difronte ad un nuovo focolaio.

Nella struttura sono stati già effettuati un totale di 150 tamponi

Di conseguenza non si è perso tempo e sono immediatamente partite le contromisure. Ieri mattina, 17 settembre, infatti, sono stati effettuati più di 90 tamponi solo tra infermieri, operatori sanitari e collaboratori. 60, invece, il numero di tampone effettuati agli ospiti della struttura.

Infine, ad analizzare i tamponi sarà l’ospedale San Martino, il quale dovrebbe già comunicare i primi risultati a cavallo tra la giornata di oggi e domani.

“Al momento gli operatori e gli ospiti della struttura non hanno sintomi riconducibili al Covid, ma non possiamo nasconderci che ci sia il rischio di un focolaio”.

Queste sono le parole del geriatra Ernesto Palummeri riportate da Il Secolo XIX. L’uomo, infatti, il quale è responsabile di più di 240 tra case di riposo, residenze per disabili e malati psichiatrici, si dice molto preoccupato e che questa situazione è del tutto inaspettata.