Home News Liguria, cani e gatti verranno seppelliti insieme ai loro padroni

Liguria, cani e gatti verranno seppelliti insieme ai loro padroni

CONDIVIDI

Da ora in poi in Liguria si potranno seppellire le ceneri dei nostri amici a 4 zampe come cani e gatti, insieme ai loro proprietari.

seppellire cani e gatti

In Liguria sarà ora possibile seppellire le ceneri dei nostri amici a 4 zampe come cani e gatti, insieme ai loro proprietari. Si tratta di una norma recentissima che è un’ulteriore tutela per i nostri animali da compagnia, approvata dal Consiglio regionale. La proposta di legge appena approvata prevede che i nostri amici potranno essere tumulati dopo essere stati cremati, poste in un’urna cineraria ed essere posti accanto al proprio padrone.

La normativa ligure

Questa previsione normativa riguardo la tumulazione animale, non è una novità in Italia. Anche in Lombardia esistono previsioni simili a quelle adottate in Liguria. La legge regionale riguardo le attività funebri e cimiteriali, sarà consentita l’inumazione delle sole ceneri degli animali da compagnia insieme a un defunto di famiglia o al proprietario.

A rendere nota l’approvazione di questa norma è il vicepresidente e assessore alla Sanità della Regione Liguria, Sonia Viale. L’approvazione della norma è avvenuta su una larghissima maggioranza bipartisan.

Secondo l’assessore questa nuova norma fondamentale consente alla Liguria di raggiungere lo standard alto di altre regioni. La disciplina diventerà più vicina alla sensibilità attuale sia dal punto di vista sanitario e sociale. L’ assessore Sonia Viale ha dichiarato alle colonne del Savona News:

“Trovo particolarmente significativi l’articolo sulla cremazione e destinazione delle ceneri, la libertà di scelta dei familiari o aventi titolo sul luogo del commiato e la possibilità di sepoltura insieme al defunto anche delle ceneri del suo animale d’affezione.”

Con l’aggiornamento della disciplina in tema di tumulazione, si potrà quindi:

“dare un ultimo saluto ai propri cari secondo regole stringenti sotto il profilo igienico sanitario ma anche vicine alla sensibilità delle comunità locali, con un’attenzione particolare rivolta anche agli operatori del settore”.