Home Cronaca Lignano, 15enne violentata in spiaggia: fermati 3 minorenni

Lignano, 15enne violentata in spiaggia: fermati 3 minorenni

CONDIVIDI

Gli inquirenti sono risaliti ai 3 presunti responsabili della violenza dopo aver visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza.

15enne violentata in spiaggia fermati 3 minorenni

Fondamentale anche il racconto di alcuni testimoni, che hanno aiutato le forze dell’ordine nell’identificazione dei 3 minorenni.

Violenza sulla spiaggia di Lignano Sabbiadoro

Una 15enne, originaria di Padova, ha denunciato di essere stata violentata sulla spiaggia di Lignano Sabbiadoro la sera di ferragosto. L’adolescente era in vacanza nella località turistica con alcuni amici.

Rimasta sola per qualche minuto, sarebbe stata avvicinata da un gruppo di 3 coetanei, che l’avrebbero violentata. Come riferisce anche Fanpage, due l’avrebbero violentata, il terzo ragazzo sarebbe rimasto a guardare, controllando che non arrivasse nessuno in spiaggia. I 3 sono poi scappati via, dileguandosi tra la folla di giovani presenti sul litorale di Lignano.

Al ritorno degli amici, l’adolescente, in lacrime e sotto choc, ha raccontato tutto ai compagni. Dopodiché, la vittima della violenza ha denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine. La Polizia ha immediatamente fatto scattare le indagini.

La giovane è stata accompagnata in ospedale per accertamenti. I medici del nosocomio hanno confermato la violenza. La 15enne è stata poi dimessa la mattina seguente.

Identificati 3 minorenni

Gli inquirenti hanno individuato i 3 presunti responsabili della violenza ai danni della giovane padovana. Dei 3, uno sarebbe rimasto a guardare, gli altri due avrebbero invece abusato della 15enne.

La Polizia è riuscita a risalire all’identità dei 3 presunti aggressori grazie alla testimonianza della giovane e al racconto di altri adolescenti presenti sul litorale.

Secondo le prime informazione, si tratterebbe di 3 adolescenti italiani, non di Lignano Sabbiadoro. I 3 minorenni accusati della violenza sulla 15enne potrebbero quindi essere denunciati e, se maggiori di 14 anni, rischiare anche il carcere.