Home Spettacolo L’Eredità, la calunnia infamante a Flavio Insinna, accusato di discriminazione

L’Eredità, la calunnia infamante a Flavio Insinna, accusato di discriminazione

CONDIVIDI

Flavio Insinna torna a far parlare ‘male’ di sè. Ecco cosa è successo a L’Eredità poche ore fa, la bufera era inevitabile

Flavio Insinna

Tra i programmi serali in onda su rai 1 l’eredità merita sicuramente un posto di prim’ordine. Il programma di Insinna infatti è tra i più seguiti ad ora di cena nelle case di tutta Italia. Tuttavia anche in un programma di solito scevro da polemiche come questo, può sollevarsi un vero e proprio vespaio.

L’accusa della spettatrice

In questo caso, a scatenare la bufera contro Flavio Insinna, è stato un tweet di uno spettatore, una tale Veronica. In realtà la polemica mossa contro il presentatore è alquanto ridicola: il programma è infatti stato accusato di discriminazione contro gli italiani, e quindi di favorire con domande più semplici i concorrenti stranieri.

Il concorrente in questione sarebbe Dominic, la cui puntata è andata in onda nella puntata di martedì 2 ottobre ed il post in questione recitava così:

’ “Appena c’è uno straniero lo avvantaggiate. Ma perché a Giusy le domande difficili? Poi questo è un quiz italiano, Dominic non avrebbe dovuto partecipare”.’’

 

Un’altra accusa contro Insinna

Insomma veramente un’accusa ridicola e poco concreta quella apparsa sui social,l’autrice del post, infatti, è stata più volte ripresa da altri spettatori che nei commenti non hanno mancato di sottolineare quanto la sua posizione fosse priva di qualsiasi fondamento e quanto fosse invece discriminante più il post stesso rispetto alla trasmissione di Flavio Insinna.

Tra tutti i commenti di spettatori indignati dal post di Veronica, riportiamo quello di Farouka:

“Prima di scrivere queste minch***, mi accerterei perlomeno di scrivere correttamente in italiano.’’

Infatti, il tweet originale, che abbiamo trascritto in versione riveduta e corretta per agevolarne lalettura, era pieno di errori ortografici.