Home Salute & Benessere Leggere è molto importante per il cervello, ecco perché

Leggere è molto importante per il cervello, ecco perché

CONDIVIDI

Leggere non è solo riempire la tua testa di tante informazioni nuove: significa nutrirla. I libri hanno un potere magico sul cervello, scopriamo perché.

Libri, perché sono così importanti per il cervello?

Puoi assumere integratori di olio di pesce o mangiare molta curcuma. Puoi investire in una lezione di lingua, puzzle o qualche ora di allenamento ogni settimana.

Ci sono innumerevoli metodi per (presumibilmente) migliorare la memoria e il funzionamento cognitivo. Il modo più economico e semplice per affinare il cervello è proprio sotto al tuo naso: si chiama lettura.

Il fatto che la lettura faccia bene al tuo cervello non è sorprendente, c’è un motivo per cui le mamme sono sempre sulle casse dei loro, ma c’è qualcosa di sbalorditivo su come un’attività così ordinaria possa migliorare il tuo cervello in tanti modi.

L’impatto più fondamentale si verifica nell’area associata alla ricezione della lingua, la corteccia temporale sinistra. Elaborando materiale scritto, dalle lettere alle parole alle frasi, alle storie stesse, stimola l’attivazione dei neuroni all’attenzione mentre iniziano il lavoro di trasmissione di tutte queste informazioni.

Ciò accade quando elaboriamo anche il linguaggio parlato, ma la natura stessa della lettura incoraggia il cervello a lavorare di più e meglio.

In genere, quando leggi, hai più tempo per pensare. Leggere ti offre la possibilità di avviare processi di comprensione e intuizione. In generale, con la lingua orale, quando guardi un film o ascolti un nastro, non metti in pausa il cervello.

I benefici della lettura perdurano nel tempo

E i benefici della lettura continuano a lungo dopo aver messo sul comodino il libro.

Un piccolo studio della Emory University ha rilevato che alcuni di questi benefici persistevano per ben cinque giorni. “La chiamiamo attività ombra, quasi come una memoria muscolare“, afferma Gregory Berns, PhD, direttore del Center for Neuropolicy di Emory. In realtà, è così che la lettura di un determinato tipo di carattere può migliorare la tua memoria.

Tutti i libri sono uguali?

Detto questo, non tutte le letture sono uguali. I risultati preliminari di uno studio condotto presso la Stanford University indicano che una lettura di tipo letteraria allena in maniera significativa il cervello.

Le risonanze magnetiche di persone che leggono il romanzo di Jane Austen hanno mostrato un aumento del sangue che scorre in aree del cervello che controllano sia la funzione cognitiva che quella esecutiva, in contrasto con gli effetti più limitati che provengono da una lettura più piacevole.