Home Cronaca Lecco, violenta la moglie insieme agli amici: non accettava la separazione

Lecco, violenta la moglie insieme agli amici: non accettava la separazione

CONDIVIDI

Agghiacciante vicenda in provincia di Lecco: un 40enne violenta la moglie insieme agli amici perché non accettava la separazione

Violenza di gruppo in famiglia

La notizia giunta da poco da Colico provincia di Lecco ha dell’incredibile: un marito violenta la moglie insieme al gruppo di amici per punirla del fatto che volesse separarsi. Ecco cosa è accaduto

La terribile violenza domestica

La vicenda risale a qualche tempo fa e coinvolge una coppia residente a Colico in provincia di Lecco.

la notizia è stata riportata dal Corriere della Sera e nonostante le tante vicende simili risulta ancora più agghiacciante di quanto ci si aspetterebbe.

A quanto risulta infatti il marito, un 40 enne avrebbe abusato sessualmente della moglie ripetutamente.
I fatti non sarebbero stati però limitati ad eventi interni alla coppia ma avrebbero addirittura coinvolto un gruppo di amici dell’uomo.

Gli amici avrebbero infatti partecipato attivamente e reiteratamente agli abusi sulla donna assieme al marito che sarebbe un noto professionista, molto conosciuto nella zona.

La denuncia della donna alla questura di Lecco

Il terribile caso di violenza sessuale che arriva da Lecco ha sconvolto l’intera comunità per la dinamica e la crudeltà degli eventi.

Non sembra infatti che si sia trattato di un episodio isolato ma che le violenze all’interno della coppia fossero state diverse per svariato tempo.

La donna infatti ha riferito che il marito, oltre ad abusare sessualmente di lei insieme agli amici, avesse anche picchiato pù volte uno dei figli della coppia.

Non risulta ancora la testimonianza del figlio, ma la madre è ha sporto personalmente denuncia raccontando gli abusi subiti.

La denuncia della donna dunque ha permesso agli inquirenti di aprire un’inchiesta per maltrattamenti in famiglia e abusi sessuali.

La polizia ha dunque arrestato l’uomo di 40 anni che è stato accusato di violenza di gruppo e maltrattamenti in famiglia e condotto nel carcere di Pescarenico dove si trova attualmente.