Home Salute & Benessere Le brutte infezioni che puoi contrarre in palestra: le conoscevi?

Le brutte infezioni che puoi contrarre in palestra: le conoscevi?

CONDIVIDI

Anche se andare in palestra è un’azione salutare e benefica per il corpo, sappi che questo ambiente può essere un terreno in cui brulicano germi e batteri che potrebbero farti star male. Ecco le infenzioni che si possono contrarre quando ti alleni.

Follicolite

Che cosa è: un’infiammazione dei follicoli piliferi sul corpo che può essere causata da sudore e calore (eruzione di calore), batteri e funghi.

Nel caso di un’eruzione di calore, la pressione dei vestiti può soffocare i follicoli piliferi. Follicolite batterica e fungina può essere diffusa condividendo asciugamani e spugne.

Sintomi: brufoli rossi, a volte morbidi, attorno a ciascun follicolo pilifero. A volte si vede anche del pus.

Come trattarla: se si suda molto, indossare indumenti traspiranti e assicurarsi di fare la doccia e di asciugarsi bene.

Tricofitosi (tinea corporis)

Che cosa è: una comune infezione della pelle causata da una varietà di funghi. Puoi prenderla da contatto pelle a pelle, asciugamani sporchi, docce bagnate e altre superfici infette.

Sintomi: cercare una zona rossa sulla pelle. Le aree includono il petto, schiena, glutei e cosce, ma in realtà l’eruzione cutanea può verificarsi in qualsiasi parte del corpo.

Come trattarla: prova i farmaci da banco come le creme a base di miconazolo o clotrimazolo. Se questi non sembrano migliorare il rossore, rivolgiti al dermatologo, che potrà prescrivere un trattamento orale se le creme topiche non funzioneranno.

Proteggiti pulendo i banchi e le macchine prima di usarli. Non ignorare l’eruzione cutanea quando è nelle sue fasi iniziali; può facilmente diffondersi sul corpo, quindi assicurati di trattarla non appena è visibile.

Infezione all’inguine

Che cos’è: altrimenti noto come tinea cruris, è un’infezione fungina dell’inguine. Nonostante il nome, può colpire anche le donne (spesso sotto la linea del reggiseno).

Sintomi: il primo segno è di solito il prurito su un punto della pelle che fa emergere un rash rosa chiaro o rosso con scaglie squamose, di solito sul bordo esterno dell’eruzione.

Come trattarla: iniziare con una polvere di ossido di zinco secco che riduce l’umidità. Cerca anche quelli con proprietà antifungine.

Assicurati di fare la doccia subito dopo un allenamento e cerca un detergente intimo che, in particolare, allontani l’umidità. Se la polvere da sola non aiuta, è possibile aggiungere un farmaco da banco come clotrimazolo 1% o Tolnaftate 1% in crema.

Applicare la crema con uno strato sottile e aggiungere la polvere. Se non vedi un miglioramento in poche settimane, o se il rossore si sta diffondendo o è caratterizzato da una pelle dolorante, è importante fare una visita dal medico.

Piede dell’atleta

Che cos’è: una comune infezione fungina del piede che si ottiene dal contatto pelle a pelle, dai piatti doccia bagnati e dalle piscine.

Sintomi: il prurito è il disturbo più comune. Cercare un rash rosso in rilievo con ridimensionamento (molto simile a tigna); le zone più colpite sono i lati dei piedi e gli spazi tra le dita.

Come trattarlo: anche se il piede dell’atleta può essere trattato topicamente con creme e polveri antimicotiche, le eruzioni cutanee gravi possono richiedere un breve ciclo di terapia antimicotica prescritta dal medico.

La prevenzione è il miglior trattamento; indossa sempre scarpe o infradito: è davvero importante tenere i piedi sollevati da terra, letteralmente, in palestra, nonché tenerli asciutti.

Immagine: Pixabay.