Home Salute & Benessere Le bevande zuccherate sono collegate al cancro?

Le bevande zuccherate sono collegate al cancro?

CONDIVIDI

Coloro che bevono la maggior quantità di bevande zuccherate e succhi di frutta sono più esposti al cancro, incluso quello al seno.

Bibite zuccherate

Un nuovo studio suggerisce che potrebbe esserci un collegamento tra il consumo di bevande zuccherate e succhi di frutta e lo sviluppo del cancro.

Lo studio è osservativo e non afferma che bere bevande zuccherate causi il cancro. Ma dopo aver controllato le variabili conosciute, i ricercatori francesi hanno trovato un’associazione.

Lo studio, in BMJ, ha coinvolto 101.257 persone, di età media 42 anni, che avevano compilato questionari di assunzione di cibo per 24 ore ripetuti. La forma elencata 97 bevande zuccherate e 12 bevande artificialmente zuccherate.

In nove anni, ci sono stati 2.193 primi casi di cancro, tra cui 693 casi di cancro al seno, 291 di cancro alla prostata e 166 di cancro del colon-retto.

Rispetto al quarto più basso per il consumo di bevande zuccherate, il quarto più alto ha avuto un rischio maggiore del 30 per cento per ogni cancro e un rischio maggiore del 37 per cento per il cancro al seno.

Non vi era alcun aumento del rischio di cancro della prostata o del colon-retto considerato separatamente, ma il numero di casi era troppo piccolo per trovare significato statistico.

I ricercatori non hanno trovato alcuna associazione di cancro con il consumo di bevande zuccherate artificialmente.

Il meccanismo che collega le bevande zuccherate al cancro non è noto, ma gli autori suggeriscono che le bevande zuccherate potrebbero favorire, in qualche modo, l’accumulo di grasso viscerale e che questo grasso intorno agli organi interni potrebbe favorire la formazione del tumore.

Non possiamo fare un’inferenza causale”, ha detto l’autore senior Mathilde Touvier, direttore di ricerca presso l’Inserm, il centro di ricerca francese per la salute pubblica.

“Ma abbiamo preso in considerazione molti fattori demografici e di stile di vita, e l’associazione era ancora significativa”.