Home News Lavoro e opportunità, la svolta green italiana

Lavoro e opportunità, la svolta green italiana

CONDIVIDI

Le nuove professioni del futuro saranno sempre più votate alla green economy anche nel nostro Paese

Lavoro e opportunità, la svolta green italiana
Lavoro e opportunità, la svolta green italiana

Secondo l’Atlante del lavoro curato dall’Inapp, il 21% totale delle professioni stanno virano verso la nuova economy. Lo 0,8% dei lavoratori lavorano direttamente all’economia verde,l’8% in professioni ibride e il 12% sono professioni che vanno verso la green economy

Le nuove professioni ecologiche

Le professioni sono molteplici e molto varie. Partiamo dai paesaggisti e specialisti della conservazione del territorio, ingegneri specializzati in materiali, certificatori che rilasciano i certificati energetici di uno stabile….

A darci questi dati è Atlante Lavoro, che attraverso una una mappa universale elaborata dall’ Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche (Inapp), ci può fornire l’impatto di queste nuove professioni. Tramite questa mappa inoltre possiamo monitorare come stanno evolvendo le professioni e le imprese, per poter valutare l’impatto ambientale e soprattutto, le competenze e le professionalità richieste.

Le professioni maggiormente green riguardano le public utilities, le costruzioni, servizi sociali e manifattura. Secondo le comunicazioni obbligatorie del 2017 riguardo le attivazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro in Italia, il 21% degli occupati hanno a che fare con l’ambito green. Queste stime sono state fatte escludendo le escluse partite Iva ed il settore pubblico. Il fenomeno della green economy sta crescendo

Le regioni con maggior numero di professionisti verdi sono la Sicilia, Calabria e Liguria. Si tratta per lo più d’ingegneri energetici, pianificatori, paesaggisti, gli specialisti del recupero e della conservazione del territorio, i tecnici del risparmio energetico e delle energie rinnovabili. Il settore è in forte crescita, basti pensare che solo nel 2019, oltre 500.000 sono state le persone assunte in quest’ambito.

Le professioni ibride

Si tratat di lavori che son sempre esistiti, semplicemente hanno deciso di aggiornarsi e buttarsi nella green economy. .sono gli “hybrid green jobs”. Qui possiamo trovare gl’ingegneri dei materiali, tecnici del marketing, tecnici delle costruzioni civili. Li troviamo principalmente in Molise, Lombardia, Abruzzo, Piemonte e Campania.

In questa categoria vengono inseriti i go green cioè coloro che potrebbero aggiornare la loro professione con competenze green e possono essere i responsabili di aziende che operano nell’agricoltura, disegnatori di moda, agenti di viaggio. – ma dove questo passaggio non è stato ancora completato.