Home Spettacolo Lando Buzzanca in ospedale, la denuncia della moglie: “non me lo fanno...

Lando Buzzanca in ospedale, la denuncia della moglie: “non me lo fanno vedere”

Ecco cos’è successo a Lando Buzzanca e come mai viene impedito alla moglie Francesca di vederlo dopo la sua terribile caduta.

Conosciamo tutti l’amatissimo attore Lando Buzzanca. Una notizia ha sconvolto il mondo dello spettacolo quando è stato rivelato che l’interprete è caduto.

Lando Buzzanca

A seguito della caduta, l’attore è stato immediatamente ricoverato in ospedale. Ora la moglie denuncia uno spiacevole accaduto.

Lando Buzzanca in ospedale

L’amatissimo attore Lando Buzzanca è attualmente ricoverato all’ospedale Santo Spirito di Roma a causa di una caduta che gli ha provocato un trauma cranico.

Ad aver trovato l’uomo privo di sensi è stata la donna di servizio. L’impiegata lo ha recuperato soltanto il giorno dopo l’ accaduto, riverso sul pavimento, e ha chiamato l’ambulanza.

Non è noto se le condizioni di Lando Buzzanca siano gravi oppure no. Neppure alla fidanzata Francesca, che sta accanto al Lando dal 2016, è stato permesso di vederlo.

La donna, infatti, in queste ultime ore sta denunciando lo spiacevole accaduto.

La denuncia della fidanzata di Lando Buzzanca

Francesca, fidanzata di Lando Buzzanca, ha rilasciato un’intervista al settimanale Oggi, dove ha rivelato di non conoscere le condizioni del suo compagno.

A quanto pare, l’amministratore di sostegno, che dal 2014 su incarico dei figli Massimiliano e Mario gestisce i beni di Lando Buzzanca, starebbe cercando di impedirle di vedere l’attore e di conoscere il suo stato di salute.

“E’ successo il giorno dopo il vaccino, il 21 aprile. Era contento di farlo, perché per lui era un grido di libertà. Lando, però, era debilitato ed è caduto, riportando un trauma cranico. Ci tengo a evidenziare che il malore è stato causato dal fatto che fosse debilitato da un punto di vista psicofisico, non dal vaccino”.

Si tratta di un abuso gravissimo. Sono in tanti in queste ultime ore a esprimerle grande solidarietà per un suo diritto che viene violato.