Home Cronaca Lamezia Terme “Smettila, ti faccio il muso a sangue”: bambini maltrattati dalla...

Lamezia Terme “Smettila, ti faccio il muso a sangue”: bambini maltrattati dalla maestra

CONDIVIDI

Nuovamente bambini maltrattati da una maestra di Lamezia Terme, tra insulti e spintoni agghiaccianti. Ecco tutti i dettagli della terribile vicenda

Lamezia Terme bambini maltrattati
Bambini maltrattati dalla maestra

Non passa giorno che non ci sia un caso nuovo di bambini maltrattati, in questo caso dalla loro maestra che invece di insegnare preferiva urlare, minacciare e insultare i suoi allievi.

Bambini delle elementari insultati e spintonati

Ci troviamo a Lamezia Terme – Catanzaro – dove si è registrato un altro triste caso di maltrattamento nei confronti dei bambini.

I piccoli si trovavano nella loro scuola elementare, con età compresa tra i 5 e i 7 anni subendo per lungo tempo violenze e insulti da parte della loro maestra.

Dopo un po’ di tempo i piccoli hanno deciso di confidarsi con i genitori, seppur impauriti, parlando nello specifico di botte – minacce – insulti che venivano messi in scena durante il normale orario delle lezioni.

E’ stato in quel momento che i genitori si sono confrontati tra loro, confermando che i piccoli raccontavano tutti la stessa versione tra paura e lacrime.

Come primo step i genitori dei ragazzi hanno parlato con il Preside, che ha successivamente avvertito le Forze dell’Ordine. I Carabinieri ha quindi agito nell’immediato, postando delle telecamere di videosorveglianza all’intero della scuola.

I filmati e l’arresto della maestra

Tutti i filmati, purtroppo, hanno confermato i sospetti e i racconti dei giovani alunni. Si nota nello specifico la docente che prende a schiaffi i bambini, aggettivando loro in maniera agghiacciante come “Porco”.

Le minacce, come si evince da Il Secolo d’Italia, si susseguono senza ritegno:

“sono stanca, ognuno nel suo recinto”

e ancora

“smettila che ti faccio il muso a sangue”

La donna è stata prelevata dai Carabinieri con l’accusa di maltrattamenti su minore – ora ai domiciliari in attesa di sentenza.