Home Spettacolo Spiata anche in bagno, Lady Diana: la sconvolgente verità sulle telecamere dopo...

Spiata anche in bagno, Lady Diana: la sconvolgente verità sulle telecamere dopo il divorzio dal Principe Carlo

CONDIVIDI

Lady Diana aveva più di un motivo per odiare la famiglia reale. La Principessa temeva addirittura di essere spiata: la verità è emersa

Lady Diana, Carlo le aveva messo telecamere ovunque
Lady Diana

Lady Diana aveva una delle facce più famose al mondo ciò nonostante amava la sua privacy quando era a Kensington Palace e si sentiva terribilmente a disagio quando per un periodo ebbe il sospetto di essere spiata. La Principessa credeva che i suoi appartamenti fossero pieni zeppi di telecamere spia. Questo è ciò che ha affermato di recente un esperto reale.

La principessa sposò il principe Carlo nel 1981 e rapidamente diventò una delle donne più riconoscibili del pianeta, il che significava che era seguita continuamente dai paparazzi. Era convinta che c’erano telecamere spia in tutta la casa. Molti dei problemi che la principessa aveva con la famiglia reale erano dovuti al fatto di sentirsi spiata.

Lady Diana, un libro rivela verità sconcertanti

Nel suo libro Diana: Her True Story, Andrew Morton ricorda che Lady Diana temeva seriamente di essere costantemente sotto controllo anche a casa, con telecamere spia che ovviamente non facevano altro che ricordarle che il suo matrimonio era finito.

“Ricorda bene l’occasione, scappando dalla claustrofobia di Kensington Palace con le sue telecamere spia, i cortigiani vigili e le mura della prigione verso il suo tratto di spiaggia preferito sulla costa del Dorset ”

Alla fine, è stato rivelato che Diana non era paranoica come si credeva. Come ha ammesso la National Security Agency 1998, la principessa era spiata. The Mirror riferì all’epoca:

“I capi delle spie americane hanno ammesso la scorsa notte di aver ficcato il naso sulla principessa Diana per anni – e hanno appreso alcuni dei suoi più intimi segreti d’amore.”

Il Daily Record ha affermato che le intercettazioni della NSA sono andate avanti fino a quando la Principessa è morta nell’incidente automobilistico di Parigi con Dodi. Durante il periodo in cui era sposata con Carlo, Lady D. sentiva spesso che non poteva essere spontanea, non poteva rispondere ai giornalisti o reagire a come avrebbe voluto pubblicamente.

Vittima di abusi denuncia bullismo su Diana
Lady Diana

Così era opinione comune quella secondo la quale la Principessa teneva per sé le sue opinioni o preoccupazioni. La Lady più amata nel mondo ha persino ‘usato’ la stampa durante il periodo in cui era sposata con Carlo per attirare l’attenzione su questioni sociali, come la paura generata dall’Aids. Dopo il divorzio, la Principessa inglese iniziò a condividere il suo punto di vista.

Nel documentario, Diana 7 giorni, il principe William ha affermato di essersi immedesimato con sua madre e ha quindi sviluppato la necessità di dare alla stampa la sua verità sul matrimonio reale. In questa occasione disse:

“a volte in quelle situazioni, ti senti incredibilmente disperato ed è molto ingiusto che si dica qualcosa di falso. La cosa più semplice da fare è solo dire o andare ai media da soli. Apri quella porta. [Ma] una volta che l’hai aperto non puoi più chiuderlo.”

Tuttavia, questa tattica ha semplicemente aggiunto ancora più interesse pubblico alla vita apparentemente affascinante e misteriosa di Diana. In un disperato passo per allontanarsi dai riflettori, si è sbarazzata del suo vasto team di sicurezza mentre mirava a una vita più privata.

Le parole di Diana dopo il divorzio

Nel 1993 a un pranzo di beneficenza per la Headway National Injuries Association, la stessa Principessa ha raccontato ai giornalisti il ​​suo piano futuro. Diana ha dichiarato:

“Nei prossimi mesi, cercherò un modo più adatto di combinare un ruolo pubblico significativo con, si spera, una vita più privata.”

Una volta finalizzato il divorzio, la principessa fu circondata solo dai suoi membri più stretti dello staff, tra cui un addetto alle pulizie, un cuoco e il suo maggiordomo Paul Burrell. Qualora Diana avesse dovuto partecipare ad un grande evento, avrebbe avuto una squadra di protezione della polizia con sé, invece di una squadra di sicurezza armata.

Il biografo reale Penny Junor ha scritto:

“[La Principessa Diana] è stata amaramente infelice, è stata delusa dal suo matrimonio. Quando Charles e Diana si sono riuniti, sembrava sulla carta che questa fosse la cosa migliore, ma l’infanzia di Diana era stata molto difficile e la felice gioia che lei aveva presentato al mondo non era altro che una maschera.”

L’infelicità della Principessa Diana come membro della famiglia reale ed il suo essere continuamente bersaglio dei media si dice che sia uno dei fattori dietro l’allontanamento  del principe Harry e Meghan Markle di quest’anno.