Home Cronaca Ladispoli, molesta bambina di 9 anni: 48enne in manette

Ladispoli, molesta bambina di 9 anni: 48enne in manette

CONDIVIDI

Una bambina di 9 anni ha avuto il coraggio di raccontare alla madre l’accaduto denunciando l’uomo di 48 anni originario di Ladispoli.

Ladispoli bambina
Un uomo di 48 anni è stato arrestato per violenza ai danni di una minore.

Un ennesimo caso di violenza quello accaduto lo scorso mese a Ladispoli. Fortunatamente la vittima, una bambina di soli 9 anni, ha avuto la forza ed il coraggio di raccontare tutto a sua madre.

Fortunatamente la bambina è riuscita a scappare

La donna, appena saputo dell’accaduto, non avrebbe perso tempo denunciando l’uomo, un 48enne di Ladispoli. Grazie al coraggio della bimba e la complicità della mamma, quindi, le forze dell’ordine avrebbero fermato immediatamente l’uomo.

Come predetto, le molestie risalirebbero ai primi di luglio quando la bambina, uscita per strada ad effettuare delle commissioni, sarebbe stata avvicinata dall’uomo.

Quest’ultimo, che stava lavorando in una casa nei paraggi, avrebbe invitato la minore ad avvicinarsi per poi dar vita alle molestie.

Fortunatamente la bambina sarebbe riuscita a scappare quasi subito ed una volta giunta alla propria abitazione ha avuto la forza di raccontare tutto a sua madre. Quest’ultima, successivamente, come predetto, avrebbe avvertito le forze dell’ordine.

Le primi indagini effettuate non lascerebbero spazio ai dubbi. Sono, infatti, stati raccolti degli indizi inconfutabili e gravi ai danni del molestatore.

Ad incastrare l’uomo sarebbe stata la ricostruzione dell’evento

Ad incastrare definitivamente l’uomo di Ladispoli sarebbe stata la stessa bambina, la quale avrebbe descritto con freddezza e precisione nei dettagli la ricostruzione dell’evento.
Importanti ai fini dell’indagini, inoltre, le dichiarazioni della madre della vittima oltre che al riconoscimento fotografico dell’uomo effettuato da quest’ultima come riporta anche Huffpost.

Infine, il maniaco, una volta arrestato, è stato portato nel carcere di Civitavecchia dove sconterà la sua pena per i prossimi anni. In questo modo gli inquirenti hanno messo un punto su questa terribile vicenda sperando che non si verifichino più eventi del genere.