Home Cronaca La Spezia, pagati 4 euro l’ora per allestire yacht di lusso: 8...

La Spezia, pagati 4 euro l’ora per allestire yacht di lusso: 8 arresti

CONDIVIDI

Vittime dello sfruttamento erano perlopiù extracomunitari di provenienza bengalese.

caporalato La Spezia

Sequestrati oltre 900mila euro dalla Guardia di Finanza.

Caporalato a La Spezia: operai sfruttati per 4 euro l’ora

Sembrava tutto a posto nelle buste paga, ma in realtà gli operai erano costretti a restituire in contanti una parte del denaro ricevuto.

È quanto scoperto dalla Guardia di Finanza di La Spezia che ha eseguito 8 ordinanze di custodia cautelare, di cui una ai domiciliari, ed ha sequestrato beni per 900 mila euro.

L’operazione, come riferisce anche La Stampa, l’operazione delle Fiamme Gialle è stata condotta tra La Spezia, Ancona, Savona e Carrara. Vittime del caporalato erano operai stranieri, perlopiù di origine bengalese. Gli uomini della Guardia di Finanza hanno scoperto episodi di minacce e sfruttamento ai danni degli operai, che lavoravano nei cantieri che realizzano yacht di lusso.

Gli operai erano costretti a lavorare fino a 14 ore al giorno, senza permessi né riposo e venivano sempre controllati, oltreché minacciati ed offesi.

Intercettazioni telefoniche ed ambientali

Gli uomini della Guardia di Finanza hanno avviato intercettazioni ambientali e telefoniche, che hanno confermato le drammatiche condizioni cui erano sottoposti gli operai.

I caporali pagavano gli operai 4 euro l’ora. In caso di un infortunio sul lavoro, gli operai erano costretti a rendere falsa testimonianza al pronto soccorso, senza mai dichiarare cosa fosse realmente accaduto.

Il metodo utilizzato dai caporali erano ben consolidati: ad un primo controllo, infatti, buste paga e versamenti risultavano regolari e corretti. In realtà, però, la prassi era tutt’altro che regolare: una volta erogate le paghe, gli operai erano costretti a restituire gran parte della paga, ricevuta tramite bonifico, in contanti.

Un consulente del lavoro di Ancona, si occupava di rendere regolari i pagamenti, almeno all’apparenza, in modo che l’azienda produttrice di yacht risultasse apparentemente in regola.