Home News La rotta dei due mari, un percorso da gustare in modalità slow...

La rotta dei due mari, un percorso da gustare in modalità slow tra Polignano e Taranto

CONDIVIDI

Un percorso turistico affascinante è la rotta dei due mari, che si estende tra Polignano e Taranto. Si dipana tra città e borghi dalle antiche tradizioni ed il mare incontaminato.rotta dei due mari

La Puglia è un luogo affascinante e sicuramente non potete non visitare il percorso turistico della rotta dei due mari, che si unisce Polignano e Taranto. Unisce lo Ionio e l’Adriatico e vi permetterà di visitare gallerie naturali, le stupende grotte di Castellana, i trulli di Alberobello e ammirare l’arte barocco di Martina Franca. Non solo potrete vedere gli ulivi secolari, i muretti, i paesaggi naturali di coste a picco sul mare.

L’ultimo arrivo nei Cammini d’Italia

La Rotta dei due mari entra a pieno titolo nei cammini d’Italia, comprendendo anche la ciclovia dell’acquedotto pugliese, il Parco Naturale delle Pianelle, che è la più grande riserva naturale della zona per concludersi nel mare di Taranto. La zona vanta una storia millenaria e si affaccia sullo Ionio. Questo percorso è pensato per essere fatto in tranquillità, applicando la filosofia slow, muovendosi esclusivamente in bicicletta o a piedi, godendo delle bellezze locali.

Si tratta di un modo innovativo per viaggiare, che strizza un occhio alla tradizione, seguendo i percorsi vecchi di millenni, dedicati a Dante, al mare, a frati francescani o benedettini, santi e addirittura briganti del luogo. L’inizio è a Polignano a Mare e si arriva a Taranto e si compone di 6 tappe:

  • Polignano a Mare – Grotte di Castellana, lungo circa 16 km circa
  • Grotte di Castellana – Alberobello lungo circa 19 km circa
  • Alberobello – Locorotondo lungo circa 20 km circa
  • Locorotondo – Martina Franca lungo circa 15 km circa
  • Martina Franca – Crispiano lungo circa 30 km circa
  • Crispiano – Taranto lungo circa 25 km circa

Si tratta di un percorso brullo, ricco di sole, tesori presenti nell’elenco dei patrimoni dell’Umanità, ma anche perle naturalistiche, riserve, borghi e paesi antichi. Assolutamente un luogo ricco da gustare lentamente.