Home Televisione La Cattedrale del mare, tutte le cose che non sapete: dalla location...

La Cattedrale del mare, tutte le cose che non sapete: dalla location all’ambientazione

CONDIVIDI

La Cattedrale del mare è l’acclamata serie spagnola di Canale 5, sai dov’è stata girata? Vediamo insieme ambientazione e location

La cattedrale del mare

Scopriamo insieme tutti i segreti relativi all’ambientazione e alla location della fiction di successo di Canale 5, tratta dall’omonimo romanzo di Ildefonso Falcones, La Cattedrale del mare!

L’ambientazione de La Cattedrale del mare

Lo scorso 19 maggio 2020, è sbarcata su Canale 5 l’acclamata serie spagnola intitolata “La Cattedrale del mare”. Tratto dall’omonimo romanzo di Ildefonso Falcones, il telefilm immerge il telespettatore in un’ambientazione storica, nella società catalana del XIV secolo.

La storia trae spunto dalla parabola di vita del protagonista, con l’obiettivo di dipingere la società catalana del XIV secolo. Spesso è evidente, nella descrizione di eventi storici, costumi e luoghi, il tradizionale “orgoglio catalano”, che ancora oggi permea la regione.

Le vicende del romanzo si svolgono a Barcellona, oggi capoluogo della Catalogna, nel periodo in cui sta crescendo fino alla Ribera, un tempo un umile quartiere di pescatori. In questo contesto sta per essere eretta la chiesa di Santa María del Mar, quella da cui prende il nome la storia.

La location delle riprese

La grande chiesa gotica, costruita tra il 1329 e il 1383 sotto la direzione di Berenguer de Montagut, diventa uno degli emblemi dello stile gotico catalano ed è il luogo ideale in cui ambientare le riprese.

Le riprese della serie tv si spostano anche per altri incantevoli luoghi di questa regione. Tra questi, le comunità autonome di Castiglia La Mancia e Castilla e León oppure i comuni di Estremadura, nella parte sud-occidentale della Spagna.

Tra le location non sono mancati gli scenari della città più popolosa della Spagna, nonché la sua capitale, Madrid. Il resto delle riprese, invece, si è poi svolto per l’80% in luoghi esterni, inclusi anche altri luoghi di Aragona e Catalogna.