Home News Kievgate, Trump pubblica la prima telefonata con Zelensky: l’impeachment barcolla

Kievgate, Trump pubblica la prima telefonata con Zelensky: l’impeachment barcolla

CONDIVIDI

Il presidente Trump ha reso pubblica la prima telefonata con il leader ucraino Zelensky. L’impeachment per il Kiev-gate

kiev-gate

Trump e il Kiev-gate: il Presidente rende noto il primo contatto telefonico con l’ucraino Zelensky.

L’impeachment del Kiev-gate

L’impeachment è la messa in stato di accusa di un membro del governo o di un funzionario pubblico da parte della Camera dei rappresentanti.

A condannare in via definitiva chiunque sia finito sotto accusa può essere solo il Senato, che deve esprimersi con una maggioranza dei 2/3 perché la procedura venga attuata. In casa di condanna, l’accusato è obbligato a dimettersi.

Lo scorso 24 settembre, Nancy Pelosi, speaker della Camera degli Stati Uniti ha reso noto l’inizio delle indagine per l’impeachment del Presidente americano, Donald Trump.

Il nodo della questione è una telefonata tra il presidente Trump ed il leader ucraino Volodymyr Zelensky. Nel corso di un primo contatto telefonico tra i due, Trump avrebbe promesso di sbloccare 400 milioni di dollari in aiuti militari, se Zelensky avesse accettato di fare indagini su Joe Biden. Il tutto per danneggiare il suo sfidante alle prossime elezioni presidenziali del 2020.

Trump avrebbe quindi fatto pressione per screditare Biden agli occhi del popolo americano ed intascare una nuova vittoria.

La trascrizione della telefonata

Si è aperto quindi il Kiev-gate e il presidente è stato accusato di aver violato la Costituzione e di aver messo in pericolo la sicurezza del Paese.

Trump, che ha sempre definito l’impeachment, come un’inutile “caccia alle streghe”, ha fatto pubblicare la prima telefonata avuta con l’ucraino.

A leggere il testo integrale della trascrizione è stato il deputato Devin Nunes, anche a capo della commissione Intelligence. Secondo i repubblicani, la lettera scagionerebbe il presidente Trump da ogni accusa.

Il deputato Nunes ha anzi additato i democratici come attori di uno show televisivo che, a detta di molti, non andrà avanti ancora a lungo.