Home Spettacolo John Travolta perseguitato dalla morte: perde la compagna, il figlio e ora...

John Travolta perseguitato dalla morte: perde la compagna, il figlio e ora l’amata moglie.

CONDIVIDI

John Travolta perseguitato dalla morte: ha perso la compagna nel 1977, poi il primogenito Jett e ora anche l’amata moglie Kelly. Le dure prove di vita dell’attore.

John Travolta e i suoi affetti perduti

John Travolta perseguitato dalla morte di persone a lui care: la morte della compagna Diana, poi il figlio Jett nel 2009 ed ora l’amata moglie Kelly.

La medesima malattia che strappò da questo mondo la sua amata compagna Diana Hyland nel 1977, oggi gli ha portato via anche la moglie Kelly Preston: un aggressivo cancro al seno.

Drammi, cadute e risalite hanno caratterizzato la carriera e l’umore dell’attore a causa di queste dolorosissime perdite.

La perdita che più mise in ginocchio il cuore dell’attore fu proprio la morte del primogenito Jett, fu proprio la chiesa di Scientology ad aiutarlo a superare quel dolore.

Un velo di ombra e tragedia ha coperto ad alti e bassi la vita di John Travolta e non furono poche le accuse e i sospetti che generarono pettegolezzi sulla sua vita privata.

John Travolta perseguitato dalla morte

La perdita del primo amore, Diana Hyland

La prima grande perdita dell’attore fu proprio il suo primo amore, la splendida attrice Diana Hyland.

Nel 1976 il giovane attore poco più che ventenne conobbe sul set di The Boy in the plastic bubble la bella e famosa attrice statunitense.

La donna già quarantenne brillava per aver recitato in La famiglia Bradford che dovette però abbandonare dopo i primi quattro episodi a causa della sua malattia.

I due fecero subito coppia fissa: Diana era già un’attrice navigata in grado di impartire consigli al giovane John.

Purtroppo l’anno successivo l’attrice subì una mastectomia e a marzo perse la lotta contro il cancro al seno, Travolta era al suo fianco quando morì.

Scientology e l’amata moglie Kelly

Travolta alla fine degli anni ’70 sbocciò nel mondo del cinema ottenendo la candidatura all’Oscar per La febbre del sabato sera e nel 1979 consacrò la sua carriera con il ruolo di Danny Zuco in Grease.

Dal 1980 al 1989 l’attore la carriera è crollata con ruoli che si rivelarono dei flop. Rifiutò il ruolo da protagonista in American Gigolò e Ufficiale Gentiluomo che poi andranno a Richard Gere.

La carriera prese una piega migliore grazie a Senti chi parla che divenne una trilogia di culto e poi raggiunse il culmine con il ruolo di Vincent Vega in Pulp fiction.

Nel 1990 sul set di Gli esperti americani conobbe colei che poi divenne sua moglie per due volte, Kelly Preston.

I due si sposarono due volte nello stesso mese: la prima volta la cerimonia è stata celebrata da un ministro di Scientology e la seconda con rito civile poiché la prima non aveva validità legale.

L’adesione di Travolta alla chiesa, o meglio setta, di Ron Hubbard ha coinciso temporalmente con il rilancio della sua carriera cinematografica.

Kelly Preston e John Travolta

La morte del figlio Jett, l’autismo e le accuse

Kelly e John felici come non mai diedero alla luce ben tre figli nella loro vita insieme ma purtroppo nel 2009 il loro primogenito morì.

La famiglia era tutta in vacanza alle Bahamas e il ragazzo fu sorpreso forse da un attacco cardiaco o epilettico.

Dichiararono che Jett soffriva della malattia di Kawasaki ma il pubblico era dubbioso.

La coppia fu travolta da un immenso dolore con la perdita del giovane Jett e poco dopo arrivarono le accuse degli americani che si chiedevano perché la famiglia non aveva mai confermato che il ragazzo soffriva di autismo.

L’ammissione arrivò dopo la morte del ragazzo e si pensava che non lo rivelarono prima a causa di Scientology: questa chiesa non permette d riconoscere i disturbi neurologici.

Nel 2019 arrivò la scioccante testimonianza al Daily Mail della nuora di Placido Domingo.

La donna raccontò di come John Travolta durante il tragitto in ambulanza al fianco del figlio implorasse lo spirito Thetan di fare ritorno nel corpo del ragazzo riportandolo in vita.

Negli anni Travolta dichiarò: ‘Scientology non ci ha mai lasciati per due anni. Non so se ce l’avrei fatta senza il loro supporto‘.

Successivamente dopo anni dalla morte del figlio sembrava chiaro che Travolta avesse abbandonato la chiesa di Scientology ma niente fu dichiarato dall’attore in merito.

Il 12 Luglio 2020 John Travolta piange la scomparsa della moglie Kelly, il cancro al seno ha avuto la meglio sulla donna.

Ha combattuto con coraggio‘ scrive l’attore sui social.

Travolta e la sua famiglia hanno comunicato sui social che per un periodo si ritireranno per passare del tempo in famiglia ed elaborare il devastante lutto.