Home Politica Recovery Fund deve essere aggiunto al bilancio a lungo termine dell’UE

Recovery Fund deve essere aggiunto al bilancio a lungo termine dell’UE

CONDIVIDI

Johan Van Overtveldt: ripresa economica “lenta e graduale”

I deputati hanno chiesto di integrare il recovery fund nel prossimo bilancio a lungo termine dell’UE, che pone gli europei al centro della ripresa economica Covid-19.

In vista di una votazione sui piani di revisione del bilancio dell’UE post 2020, il presidente della commissione per il bilancio del Parlamento Johan Van Overtveldt ha avvertito che la ripresa economica sarà “lenta e graduale” e che la previsione di un calo del 7,5% dell’attività economica quest’anno è una “previsione lieve”.

Risposta dell’UE al coronavirus

In un’intervista pubblicata sulla pagina Facebook del Parlamento, il membro belga dell’ECR ha osservato che c’è ancora una grande incertezza:

“Nemmeno in tempo di guerra la vita economica si è fermata con una tale rapidità. C’è così tanta incertezza: ci sarà una ricaduta? Ci sarà un secondo round di blocchi? Quale sarà l’umore degli investitori e dei consumatori?”.

Fin dall’inizio, l’UE ha mobilitato tutti i mezzi disponibili per aiutare gli Stati membri a rafforzare i settori sanitari e mitigare l’impatto socio-economico del virus.

Il Parlamento ha anche chiesto un pacchetto di ripresa su larga scala per sostenere l’economia europea dopo la crisi.

Van Overtveldt ha sottolineato che questo deve essere incorporato nel bilancio a lungo termine dell’UE:

“Il fondo di recupero dovrebbe essere sostanziale ma dovrebbe anche far parte del prossimo [bilancio], per il 2021-2027 e non a parte.”

Necessità di piani di emergenza

Con l’attuale bilancio a lungo termine dell’UE che si concluderà a dicembre, Van Overtveldt ha sottolineato l’importanza di un piano di emergenza in caso di mancato raggiungimento in tempo dell’accordo sul bilancio post 2020:

“Quando arriveremo a giugno, il tempo si riduce a ottenere il [bilancio] approvato e messo in funzione in tempo e una discontinuità degli attuali programmi dell’UE sarebbe molto negativa per i cittadini e per la reputazione e la coerenza politica dell’UE”.

Il Presidente della commissione per il bilancio ha esortato le altre istituzioni dell’UE a prendere atto della posizione del Parlamento:

“Il consenso del Parlamento deve essere ottenuto e questo è sicuramente molto meno sicuro di quanto non fosse con il [bilancio a lungo termine] in uscita, quindi la Commissione e Il Consiglio dovrebbe prendere atto delle finalità del Parlamento”.