Home News Isole Svalbard registrati 21,2 gradi temperatura record degli ultimi 40 anni

Isole Svalbard registrati 21,2 gradi temperatura record degli ultimi 40 anni

CONDIVIDI

Alle Isole Svalbard si sono registrati 21,2 gradi, che è una temperatura record, la maggiore rilevata negli ultimi 40 anni.

Isole Svalbard registrati 21,2 gradi temperatura record degli ultimi 40 anni

Nelle Isole Svalbard in Norvegia si è registrata la temperatura record di 21,2 gradi. Sicuramente è la maggiore rilevata negli ultimi 40 anni. L’attuale record assoluto è stato rilevato il 16 luglio 1979, quando la temperatura raggiunse i 21,3 gradi. Molto vicina all’attuale.

Le rivelazioni record

Un segno dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale, è sicuramente la registrazione di temperature anomale in zone del mondo dove solitamente si mantengono gelide. L’arcipelago Artico norvegese delle isole Svalbard, ha registrato una temperatura record secondo l’istituto meteorologico della Norvegia.

Siamo realmente vicini al record assoluto registrato nel 1979 ed è quindi la temperatura più alta registrata negli ultimi 40 anni. La preoccupazione tra gli scienziati è palpabile e dovrebbe essere un campanello di allarme che ci dovrebbe spingere a rivedere il nostro modo di vivere. Le temperature medie stagionali di luglio, che solitamente è il mese più caldo nell’Artico, sulle isole solitamente si aggirano tra i 5 e gli 8 gradi centigradi.

Il riscaldamento delle temperature dell’Artico

Secondo gli esperti il continente Artico si sta riscaldando due volte più velocemente rispetto al resto del pianeta. L’estate che stiamo vivendo è particolarmente calda nella regione. Nella Russia artica ci sono stati episodi di forte afa, con picchi che sono arrivati a 38 gradi. Tutto questo in zone che si trovano oltre il Circolo polare artico.

Secondo il rapporto norvegese “Clima a Svalbard 2100” si stima che la temperatura media di queste isole artiche dal 2070 al 2100 potrebbero essere maggiori di 7/10 gradi rispetto al periodo 1970-2000 a causa delle emissioni di anidride carbonica prodotte dall’uomo. Questo è già visibile se analizziamo il periodo tra il 1971 e il 2017:

“è stato osservato un incremento da 3 a 5 gradi centigradi, con i picchi più forti in inverno.”