Home Spettacolo “Non ha faticato, creava solo costumi”. L’Isola dei Famosi, il pubblico scredita...

“Non ha faticato, creava solo costumi”. L’Isola dei Famosi, il pubblico scredita Beatrice: mazzata social

L’ascesa di Beatrice Marchetti a L’Isola dei Famosi 2021 scatena il boato dei telespettatori. I web-indignados affilano i coltelli e si scagliano contro la neo finalista.

Beatrice Marchetti, L'Isola dei Famosi 2021
Beatrice Marchetti, L’Isola dei Famosi 2021

A L’Isola dei Famosi 2021 sta per calare il sipario. La semifinale del 31 maggio ha registrato ottimi ascolti e la sbalorditiva esposizione social-mediatica ha smosso non soltanto elogi ma anche critiche, analisi e giudizi severi su Beatrice Marchetti.

A distanza di pochi giorni, un numero significativo di telespettatori ha espresso grande disapprovazione e contrarietà nei confronti della modella bresciana, naufraga solitaria che ha avuto l’opportunità di volare in finale insieme a tutti i finalisti.

L’Isola dei Famosi 2021, Beatrice Marchetti nel mirino dei social

Beatrice Marchetti, L'Isola dei Famosi 2021
Beatrice Marchetti, L’Isola dei Famosi 2021

Secondo il giudizio insindacabile del pubblico, Beatrice non merita la vittoria del reality show, poiché non ha brillato né per personalità né per sforzi fisici. Il suo percorso solitario su Playa Imboscada è stato aspramente svilito:

“Non vedo perché Beatrice debba meritare la vittoria dell’Isola, che non ha faticato. Passava le giornate a creare costumi con le foglie, mentre i veri naufraghi facevano prove difficili, sul girarrosto, etc”

Con il suo categorico sfogo, il popolo della rete la boccia senza possibilità di appello:

“Ma sì, fate vincere Beatrice dai.. Una che per settimane non ha fatto un accidente e mangiava a spese di altri.. Ha fatto due settimane di isola da sola ed é vista come una santa, manco fosse stata abbandonata a sé stessa”

I suoi detrattori la definiscono immeritevole e affermano che non sarà mai all’altezza degli altri finalisti. Insomma, una pioggia monsonica di accuse, tanto aspre quanto denigratorie.