Home News Irlanda: la crisi politica e l’accordo di coalizione tra i partiti “nemici”

Irlanda: la crisi politica e l’accordo di coalizione tra i partiti “nemici”

CONDIVIDI

Irlanda: la crisi politica e l’accordo di coalizione tra i partiti “nemici”

Fianna Fail e Fine Gael pronti a governare l’Irlanda per la prima volta, con il sostegno dei Verdi.

Quattro mesi dopo l’Election Day, i due principali partiti irlandesi hanno raggiunto un accordo per governare insieme per la prima volta, aprendo un capitolo imprevedibile nella politica irlandese mentre il paese affronta le conseguenze economiche della pandemia di coronavirus.

I leader dei partiti, Fianna Fail e Fine Gael, hanno firmato un accordo per stabilire un governo di coalizione che includerà i Verdi, ma non Sinn Fein, un partito che i partner della coalizione erano desiderosi di estromettere dal governo.

Il leader di Fianna Fail, Micheal Martin, sostituirà inizialmente l’attuale primo ministro, Leo Varadkar di Fine Gael.

Irlanda: le ragioni dell’accordo tra Fianna Fail e Fine Gael

L’accordo, dopo diverse settimane di tortuose negoziazioni, attesta la situazione di crisi politica irlandese.

Con radici comuni nella lotta per l’indipendenza dell’Irlanda e simili politiche di centrodestra, Fianna Fail o Fine Gael hanno guidato tutti i governi irlandesi dal 1927, a volte sostenendosi a vicenda in Parlamento ma mai governando in una coalizione formale.

«Abbiamo davanti un periodo impegnativo dal punto di vista economico per effetto del Covid.

il programma di governo rappresenta una nuova partenza»,

sottolinea il leader del Fianna Fail, Micheal Martin.

Già all’indomani delle Elezioni dell’8 febbraio si era ipotizzata una grande coalizione in funzione anti-Sinn Fein, che mettesse insieme i due grandi partiti centristi.

Un voto in cui i nazionalisti risultarono in percentuale i più votati, pur senza ottenere il maggior numero di seggi.

Come condizione per aderire alla coalizione, il Partito Verde ha sottoscritto un impegno per ridurre le emissioni di gas serra dell’Irlanda del 7% all’anno.

I leader del partito devono ottenere il sostegno di due terzi dei loro membri. L’ascesa di Sinn Fein ha mescolato i calcoli per tutte le parti.

Sebbene non vogliano formare una coalizione con essa – in parte a causa dei suoi legami storici con l’esercito repubblicano irlandese – temono anche che lasciarla sola nell’opposizione gli consentirà di eliminare ancora più elettori, a loro spese.

Sinn Fein, affermano gli analisti, trarrebbe beneficio rimanendo nell’opposizione poiché potrebbe sfruttare le difficili decisioni che il nuovo governo dovrà prendere.

Mary Lou McDonald, leader del partito, ha affermato che la coalizione “proteggerà lo status quo” e farebbe poco per alleviare la carenza di alloggi in Irlanda o la crisi della salute pubblica.

“C’è una tale riluttanza a governare”,

ha sottolineato Diarmaid Ferriter, professore di storia irlandese moderna all’University College di Dublino.

“Fine Gael e Fianna Fail non l’hanno mai fatto prima, quindi non sanno cosa farà al loro supporto principale”.

Tuttavia, il professor Ferriter ha affermato che la coalizione significherebbe una transizione fondamentale nella politica irlandese, dalla politica di guerra civile che ha diviso il paese per quasi un secolo a una divisione più tradizionale da sinistra a destra, poiché Sinn Fein ha adottato molte posizioni di sinistra.

Irlanda: Il peso dell’emergenza Covid sulla politica

Con più parti che attirano una quota comparabile del voto, l’Irlanda ora assomiglia più all’Europa continentale che alla Gran Bretagna, dove conservatori e laburisti continuano a dominare in Parlamento.

Varadkar, 41 anni, ha ricevuto elogi per la sua gestione “sicura” della crisi. Un medico in pensione, ha riattivato la sua licenza medica e ha risposto alle chiamate di persone che credevano di aver contratto il virus.

L’Irlanda ha riportato 1.700 decessi correlati al virus, circa la metà del tasso pro capite come nella vicina Gran Bretagna.

La performance di Varadkar ha riportato in auge le sue fortune dopo una campagna poco brillante, in cui gli elettori lo hanno incolpato per la crisi immobiliare in Irlanda e sono rimasti disincantati dal suo modo distaccato.

L’aritmetica politica dei risultati delle elezioni significava che non avrebbe mai avuto la possibilità di guidare un nuovo governo: Fine Gael ha vinto 35 seggi, 37 di Sinn Fein e 38 di Fianna Fail.