Home News Irlanda in lockdown: si va al pub in aeroporto per aggirare le...

Irlanda in lockdown: si va al pub in aeroporto per aggirare le restrizioni

CONDIVIDI

Per aggirare il lockdown, in Irlanda si sta diffondendo una tendenza: andare a bere all’aeroporto. Si entra al gate con un biglietto aereo low cost.

irlanda lockdown

A causa del lockdown, in Irlanda i pub e i bar sono chiusi.

Una seconda chiusura

In Irlanda, i cittadini, stanno vivendo un secondo lockdown dal 20 ottobre. Le restrizioni non hanno consentito ai pub di restare aperti. Per questo motivo, sembra si stia diffondendo una nuova tendenza: andare a bere al pub dell’aeroporto.

I primi ad aver optato per questa scelta sono stati 4 amici della città di Dublino, in particolare a sud della città. I quattro hanno deciso di acquistare dei biglietti aerei lowcost, superare il gate ed intrattenersi in uno dei pub dell’aeroporto di Dublino. Dopo aver bevuto in compagnia, poi, non si sono imbarcati ma sono usciti e rientrati nelle proprie case.

L’azione dei quattro ragazzi è stata documentata su Facebook, con tanto di ricevute. I giovani, infatti, avevano acquistato un biglietto per un volo Ryanair diretto a Londra, pagato 9,99 euro. Si teme che la faccenda possa essere imitata.

Il commento delle forze dell’ordine

Intanto, le autorità Irlandesi hanno dichiarato, attraverso un comunicato, di non poterci fare nulla. La legge permette di mangiare e bere in aeroporto. Chi acquista un biglietto aereo e passa il gate non può essere multato anche perché non è obbligatorio, per un passeggero pagante, salire sull’aereo. Potrebbero soltanto essere aumentati i controlli per chi guida sotto effetto di alcolici.

Un altro problema che l’Irlanda deve fronteggiare è caratterizzato dagli alcolici d’asporto, che sono consentiti dalla legge. Il problema è rappresentato dagli assembramenti di persone che bevono in compagnia. Il governo, perciò, ha pensato a multe ad hoc, tra gli 80 ed i 300 euro. Anche se, nel governo, sono emersi pareri più libertini. Si spera, infatti, che la gente continui con il suo buon senso.