Home News Intervento mitrale a cuore battente: eseguito per la prima volta a Torino

Intervento mitrale a cuore battente: eseguito per la prima volta a Torino

CONDIVIDI

Il paziente è stato sottoposto d’urgenza all’intervento mitrale a cuore battente. Dopo poco è già stato dimesso. E’ accaduto al Le Molinette di Torino.

intervento mitrale

L’intervento mitrale, tecnica Neochord è stato eseguito per la prima volta al mondo.

Tecnica Neochord

L’intervento mitrale a cuore battente è stato eseguito in emergenza su un paziente. E’ successo all’ospedale Molinette della Città della salute di Torino. La tecnica adottata è stata quella Neochord che ha permesso al paziente di poter essere dimesso pochi giorni dopo l’operazione.

Si tratta di una tecnica che è stata applicata per la prima volta, in tutto il mondo. Essa prevede l’applicazione di corde realizzate in gore-tex, sul lembo da guarire della mitrale. Il paziente su cui è stata eseguita ha 65 anni.

A raccontare la storia del paziente è stato il professor Mauro Rinaldi, responsabile reparto di Cardiochirugia. Il paziente era stato ricoverato in un ospedale vicino, dove era stato intubato a causa di un edema polponare. Le sue condizioni erano in rapido peggioramento, così, è stato deciso il trasferimento.

Al Le Molinette, i medici hanno deciso di tentare l’impossibile, con un intervento nuovo e mai eseguito in stato di emergenza. La tecnica Neochord è stata adattata all’emergenza.

In cosa consiste la tecnica

La tecnica prevede che si pratichi un taglio nel torace, lungo circa cinque centimetri. Il taglio permetterà di poter facilmente accedere al ventricolo sinistro. Le corde in gore-tex vanno a sostituire quelle rotte, al fine di ripristinare la valvola.

Un intervento che si pratica con il cuore battente, evitando la circolazione extracorporea che, sul paziente con i polmoni compromessi, avrebbe potuto rivelarsi catastrofica.

Un’intervento durato appena un’ora e a cui hanno partecipato: Mauro Rinaldi e Stefano Salizzoni, in qualità di cardiochirurghi, Alessandro Vairo, ecografo, Federico Canavosio, anestesista.