Home News Inps, via al bando per l’assunzione di 165 informatici

Inps, via al bando per l’assunzione di 165 informatici

CONDIVIDI

Un bando d’assunzione di questo tipo non si vedeva da ben 13 anni. Chi supererà la prova trascorrerà un anno presso la Direzione centrale.

Inps
Ieri l’Inps ha ufficializzato il bando per l’assunzione di 165 informatici.

L’Inps è sulle tracce di 165 informatici da assumere. La società, infatti, ieri, 8 ottobre, ha dato conferma della questione aprendo un bando di concorso online e fornendo i dettagli sul proprio sito.

L’ultima assunzione per professionalità di questo tipo risaliva a 13 anni fa

Un evento davvero singolare dato che l’ultima assunzione per professionalità di questo tipo risale a più di 13 anni fa. Ad attendere i fortunati che supereranno la selezione ci sarà un anno di lavoro presso la Direzione centrale tecnologia, informatica e innovazione della Direzione Generale.

Dopo un anno nella Direzione Generale i candidati verranno smistati in tutta Italia

Successivamente, se ritenuti idonei, i candidati potranno venir smistati in tutta Italia. Nello specifico i nuovi dipendenti apparterranno alla categoria area C, mentre la posizione economica sarà C1.

Di seguito ecco il comunicato con l’informativa pubblicata dall’Istituto. Ricordiamo, inoltre, come la domanda vada formulata esclusivamente in via telematica:

“L’invio on line della domanda debitamente compilata deve essere effettuato entro e non oltre le ore 16.00 del 7 novembre 2020”.

Infine, andiamo ad analizzare quelli che sono i requisiti per partecipare al bando per i 165 posti da informatico.

In primis il candidato dovrà essere in possesso di una laurea triennale in ingegneria della formazione, scienze e tecnologie fisiche, scienze e tecnologie informatiche, scienze matematiche, statistica o una laurea triennale equiparata.

Saranno prese in considerazione, inoltre, anche le domande presentate di chi ha conseguito il proprio titolo di studio all’estero, come specificato dalla stessa Inps. Infine, i candidati dovranno necessariamente avere la cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell’Unione Europea.