Home Salute & Benessere Infenzione all’orecchio dopo la foratura: ecco come curarla in modo efficace!

Infenzione all’orecchio dopo la foratura: ecco come curarla in modo efficace!

CONDIVIDI

Ecco come trattare un’infezione derivata dalla foratura del lobo con metodi fai-da-te.

infezione all'orecchio dopo foratura

Infezione all’orecchio, ti dice qualcosa? Alza la mano se ricordi di essere andato a farti forare le orecchie per la prima volta.

Questo rito di passaggio adolescenziale è stato davvero esaltante – fino a quando non hai inevitabilmente sperimentato la tua prima infezione da buco dell’orecchino.

Anche se sei più vecchio e più saggio ora, non sei assolutamente immune alle occasionali infezioni dell’orecchio bucato.

Puoi, però, evitarle con l’aiuto di alcuni semplici trucchi e con trattamenti che puoi attuare a casa.

Quello che devi sapere sulle infezioni dell’orecchio forato

La prevenzione delle infezioni da fori dell’orecchino inizia con un’igiene adeguata, sia subito dopo un piercing che negli anni a venire.

Se di recente hai fatto un piercing, assicurati di lavarti accuratamente le mani prima di toccarlo al fine di evitare di esporre l’area a eventuali batteri indesiderati.

I piercing dovrebbero anche essere immersi due volte al giorno per 2-5 minuti in una soluzione salina o salata. Una garza imbevuta e pulita può essere utilizzata per pulire delicatamente la zona”, ha affermato il dermatologo cosmetico Sejal Shah, fondatore di SmarterSkin Dermatology a New York City.

Se il tuo piercing è completamente guarito, assicurati di pulire sia gli orecchini che posto dove è il piercing ogni volta che rimuovi i gioielli.

Mantieni gli orecchini puliti, igienizzandoli con un detergente antisettico (come l’alcol), sapone e acqua o anche un collutorio.

E fallo spesso (almeno una volta alla settimana) perché l’accumulo di qualsiasi tipo di secrezione o sporco nei tuoi orecchini può portare problemi.

La pelle morta può accumularsi attorno al supporto a causa della forfora o della rimozione rara e servire da nidus per i germi“, ha detto la dott.ssa Francesca Fusco di Wexler Dermatology a New York City.

Quali sono i sintomi di infezione dell’orecchio?

Se non hai mai avuto un’infezione da buco dell’orecchino, potresti non avere familiarità con i segnali di avvertimento e i sintomi, ma sono piuttosto semplici da riconoscere.

Le orecchie calde, pruriginose sono un segno rivelatore di un’infezione e anche le tue orecchie sembreranno rosse e un po’ gonfie.

Ciò, di solito, è accompagnato da una sorta di taglio o crosta sull’orecchio, ma non sempre“, ha detto la dott.ssa Joshua Zeichner, direttrice della ricerca cosmetica e clinica presso il dipartimento di dermatologia dell’ospedale di Mount Sinai.

Alcune infezioni del foro dell’orecchino possono anche essere accompagnate da una scarica trasudante, ma non tutte le perdite dell’orecchio sono motivo di allarme.

In effetti, le orecchie a volte secernono un liquido sottile da bianco a giallo mentre guariscono da un piercing e il sebo delle ghiandole oleose può anche accumularsi sui tuoi piercing.

Se il liquido è di colore chiaro e non è accompagnato da dolore, arrossamento, calore o gonfiore, probabilmente non è infetto“, ha detto Shah.

Un modo semplice per autodiagnosticare l’infezione? Fusco incoraggia i pazienti a pensare ai “quattro Ps”: dolore, pus, sebo e rossore. “Tutti indicano possibili infezioni“, ha detto.

Le buone notizie? Le infezioni da piccoli fori dell’orecchino in genere durano solo pochi giorni e di solito puoi stroncarle sul nascere con alcuni rimedi casalinghi.

Se la tua situazione non migliora entro pochi giorni, potresti dover chiamare il medico: “L’infezione non trattata potrebbe portare a infezioni più complicate che richiedono drenaggio e antibiotici orali“, ha detto Fusco.

Come trattare un piercing all’orecchio infetto: rimedi fai-da-te

Ci sono diversi trattamenti fai-da-te che puoi attuare per trattare l’infezione. Il primo è lo shampoo antiforfora.

Lo zinco piritione nello shampoo antiforfora è noto per il trattamento della forfora ma ha anche proprietà antibatteriche che possono aiutare nel processo di guarigione delle orecchie infette o lavorare per prevenire l’infezione“, ha detto Fusco.

Se l’irritazione dell’orecchio sembra più una reazione allergica che un’infezione in piena regola, Shah suggerisce di rimuovere l’orecchino, quindi utilizzare un detergente delicato per pulire l’orecchio due volte al giorno.

Con infezioni palesi, pulire l’area infetta con un risciacquo con acqua salata (ovviamente dopo aver lavato le mani!): “Evita l’alcool e il perossido di idrogeno poiché questi possono potenzialmente irritare le aree. Asciugare il piercing su entrambi i lati con un tovagliolo di carta. Se l’infezione sta migliorando, continua fino a quando non sarà completamente eliminata“, ha detto Shah.

Se l’area infetta trasuda, prova a posizionare un asciugamano sulla federa e a cambiarlo quotidianamente. Quindi, una volta che si placa, applica una crema antibatterica sull’orecchino prima di inserire il piercing.