Home News Incidente sulla Asti – Cuneo, muore il medico di Striscia La Notizia

Incidente sulla Asti – Cuneo, muore il medico di Striscia La Notizia

CONDIVIDI

Poche ore fa un tragico incidente ha tolto la vita al medico di Striscia La Notizia, Francesco Negro. Aveva 56 anni: è accaduto sulla Asti-Cuneo

Francesco Negro era un medico dal grande talento e col sorriso sempre pronto. Il noto chirurgo della mano, è morto ieri a 56 anni in un incidente stradale avvenuto sulla Asti-Cuneo, mentre alla guida di una Mini della sua Acqui. Stava raggiungendo Bra, dove svolgeva gran parte della sua attività. La dinamica esatta dell’incidente, avvenuto intorno alle 8 all’altezza di Castagnito, non è stata ancora chiarita. Pare che la Mini abbia tamponato con violenza un camion, restando incastrata sotto il rimorchio.

Adesso, toccherà alla polstrada di Bra, giunta sul posto con i vigili del fuoco di Alba e Asti e il 118, ricostruire la reale dinamica della tragedia. Francesco, nato ad Acqui il 13 febbraio 1962, era diplomato al liceo classico Saracco e poi laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Genova, aveva deciso di fare il medico per seguire le orme del padre Angelo, e in parte anche della mamma e della nonna «Gein», entrambe ostetriche. Non molto tempo fa, proprio alla nonna, aveva dedicato una raccolta benefica (anche on line) per i più poveri. Si era specializzato in chirurgia della mano, affiancando per 16 anni Carlo Grandis all’istituto ortopedico Galeazzi di Milano. Il medico viveva in via Maggiorino Ferraris e con la sua scomparsa ha lasciato la moglie Marina Buffa, infermiera, i figli Gioia e Carlo, che studiano in Spagna, e l’anziana mamma. Il sindaco di oggi, Lorenzo Lucchini, ha dichiarato:

“Negro è stato un cittadino esemplare, cordiale, elegante, disponibile, da sempre impegnato in battaglie con profondo senso civico e morale.”

Ogni anno, una troupe di Striscia la notizia veniva in città per fargli lanciare il suo appello alla prudenza prima di San Silvestro e la sua campagna entrava nelle scuole. Era sempre in prima linea per le buone cause. Era noto anche a Casale, dove aveva operato fino a due anni fa nella clinica S. Anna. Lo ricorda così il proprietario della clinica di Bra Giacomo Brizia:

“Eseguiva interventi di particolare delicatezza e con alta professionalità. Perdiamo un grande amico, un grande medico e un grande uomo.”