Home Cronaca Incidente sul lago di Garda, l’autopsia conferma: Greta Nedrotti è morta annegata

Incidente sul lago di Garda, l’autopsia conferma: Greta Nedrotti è morta annegata

La ragazza era in barca con il fidanzato, Umberto Garzarella, quando un motoscafo guidato da una coppia tedesca li ha travolti, uccidendoli entrambi.

incidente lago di garda, autopsia

L’incidente è avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsi. Il corpo di Greta venne ritrovato a 100 metri di profondità il giorno dopo l’incidente.

L’incidente al Lago di Garda

Un incidente costato la vita ad un ragazzo di 37 anni e ad una ragazza di 25; Umberto e Greta Nedrotti sono i nomi dei due giovani morti in un incidente nautico nella notte tra sabato e domenica scorsa.

I due erano a bordo di un gozzo di proprietà di Umberto, quando un motoscafo guidato da due turisti tedeschi li ha travolti.

Il corpo del 37enne è stato ritrovato sull’imbarcazione domenica mattina, quando un pescatore lo ha notato e ha lanciato l’allarme.

Sulla barca sono stati rinvenuti degli abiti femminili, così la guardia costiera ha avviato le ricerche di una ragazza.

Diverse ore dopo il corpo della ragazza è stato ritrovato a 100 metri di profondità, con le gambe semi-amputate.

Leggi anche –> Incidente sul lago di Garda, Umberto e Greta uccisi da un motoscafo: indagati due turisti tedeschi

L’autopsia sul corpo di Greta Nedrotti

Umberto Garzarella è morto sul colpo, dopo che il motoscafo ha speronato la sua imbarcazione. L’autopsia sul corpo di Greta Nedrotti ha confermato che la 25enne è morta per annegamento.

La ragazza è stata sbalzata fuori dall’imbarcazione ed è annegata. I due turisti tedeschi che erano a bordo del motoscafo sono già rientrati in patria.

Uno di loro è stato sottoposto all’alcol test, risultando negativo. L’altro ha rifiutato di sottoporsi all’esame.

“I due hanno brindato a pranzo, ma nessuna bevuta è avvenuta prima dell’incidente”

ha spiegato il legale.

Intanto, i familiari di Greta chiedono a gran voce che sia fatta giustizia perché la morte della ragazza e quella di Umberto non restino impunite.