Home Cronaca Morì per salvare i suoi bambini da un’auto in corsa: conducente condannata...

Morì per salvare i suoi bambini da un’auto in corsa: conducente condannata a 1 anno e 2 mesi

CONDIVIDI

Il drammatico incidente che costò la vita ad Antonela Kmet avvenne il 25 settembre del 2017 a Pieve di Soligo.

omicidio Antonela Kmet

La donna morì qualche giorno dopo il suo ricovero in ospedale, per le gravi lesioni riportate nell’incidente.

La morte di Antonela Kmet

Aveva soltanto 46 anni quando, per salvare i suoi figli da morte certa, fu lei stessa a morire, in un estremo gesto d’amore.

I suoi bambini stavano percorrendo la centralissima Via Vaccari a Pieve di Soligo, quando un’auto in corsa rischiò di travolgere i due piccoli, mentre attraversavano sulle strisce pedonali.

Antonela Kmet, madre dei due bambini, senza pensarci due volte, si lanciò su di loro per evitare che l’auto li travolgesse. Nello schianto però fu lei ad avere la peggio, tanto che l’8 ottobre morì per le gravi lesioni riportate nell’incidente.

Conducente patteggia la condanna

Alla guida dell’auto che travolse ed uccise la 46enne, una donna di 87 anni, Drusiana Boatin.

L’anziana spiegò che il sole le aveva impedito di vedere i due bambini e la loro madre mentre attraversavano la strada.

Come riferisce anche Il Gazzettino, qualche giorno prima di rimettersi alla guida della sua auto, l’anziana aveva subito un intervento ortopedico di ricostruzione delle rotule e un’operazione alle cataratte, che potrebbe aver inciso su quanto successo quel giorno.

“Mi ero impuntato con gli altri nipoti: toglietele quella macchina. La sua guida non è più quella di una volta. Però nessuno mi ha voluto ascoltare e si è arrivati alla tragedia”

aveva detto un nipote della donna, che si era reso conto della pericolosità dell’anziana alla guida.

Drusiana Boatin è stata condannata ad un anno e 2 mesi, con il beneficio della condizionale.

I familiari della Kmet sono stati risarciti. I suoi due bambini, di 5 e 10 anni, nell’incidente riportarono ferite lievi, guaribili in pochi giorni.

Antonela Kmet fu soprannominata mamma coraggio, per aver scelto di mettere a repentaglio la sua vita, tentando di salvare quelle dei suoi bambini.