Home News Incendi Australia, Port Macquary invasa dalla cenere: qui c’è l’aria più inquinata...

Incendi Australia, Port Macquary invasa dalla cenere: qui c’è l’aria più inquinata dal mondo

CONDIVIDI

Gli incendi in Australia sono terribili. Port Macquary è stato ricoperto dalla cenere e l’aria è diventata la più inquinata al mondo

Incendi Australia
Incendi Australia

Dopo gli incendi in Australia la cenere è ha invaso e ricoperte le spiagge del Nuovo Galles del Sud in Australia. Gli incendi boschivi sono tutt’ora vivi e Port Macquarie si è registrato un livello pessimo di qualità dell’aria. Si tratta del livello più basso al mondo, dove si ha un inquinamento peggiore di quello di New Delhi, dove vi avevo raccontato come hanno bloccato la metropoli. L’inquinamento atmosferico registrato è pari a 1.739 della scala AQI e secondo il canale Abc, le scuole sono state chiuse perché i bambini avevano difficoltà a respirare.

La pessima qualità dell’aria

Come detto l’aria ha altissimi livelli d’inquinamento. Le spiagge di Nambucca a circa 100 km a nord da Port Macquarie, sono completamente ricoperte da cenere nera. Tutti gli arbusti sono stati incendiati, dando un’aria spettrale e raccapricciante alle spiagge coinvolte. Ad incidere in modo negativo sulla qualità dell’aria sono stati il fumo degli incendi e a causa della siccità, l’aumento della polvere.

Gli alti livelli d’inquinamento sono sicuramente il dato più preoccupante, dato che il livello si considera pericoloso quando supera i 200 della scala AQI. Questa scala viene impiegata dai governi e dalle organizzazioni per far capire al pubblico il livello d’inquinamento dell’aria.

I pesanti incendi

Gli incendi boschivi nel Nuovo Galles del Sud, sono stati spietati ed hanno portato alla distruzione di 300 case e moltissimi terreni. Ormai si tratta di una vera e propria tragedia nazionale. Data la vastità e la gravità degli incendi divenuto una vera e propria emergenza. In questa zona del paese, gl’ingressi nel pronto sono raddoppiati soccorso per problemi respiratori e asmatici negli ospedali. Il governo per questo consiglia di restare al riparo, evitando d’uscire per non incorrere in intossicazioni o altri problemi.