Home Cronaca In fuga dall’Afghanistan, 15enne abbandonato in autostrada: accolto da un cittadino di...

In fuga dall’Afghanistan, 15enne abbandonato in autostrada: accolto da un cittadino di Imola

CONDIVIDI

L’adolescente ha bussato alla porta del suo soccorritore, che gli ha offerto un riparo, prima di allertare le forze dell’ordine.

15enne abbandonato autostrada

I carabinieri hanno scoperto che il ragazzo era arrivato in Italia via mare, con un traghetto salpato dalla Grecia, dopo aver attraversato la penisola balcanica.

Adolescente afghano abbandonato in autostrada

Un viaggio lungo settimane per arrivare in Italia, Paese nel quale è stato abbandonato da chi aveva organizzato quella traversata.

È l’ennesima triste storia dell’immigrazione che arriva da Imola, dove questa notte un ragazzo afghano di 15 anni è stato abbandonato.

Secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, l’adolescente è stato scaricato al casello autostradale di Imola. Il ragazzo è riuscito a raggiungere un’abitazione proprio fuori l’autostrada.

Ha bussato per chiedere aiuto ed è stato immediatamente soccorso dal proprietario di casa. L’adolescente era infreddolito ed affamato.

L’uomo l’ha fatto entrare in casa, nonostante non riuscissero a capirsi, dopodiché ha allertato le forze dell’ordine. Come riferisce anche Bolognatoday, i carabinieri hanno contattato un mediatore che ha fatto da interprete.

Il 15enne ha raccontato di essere originario dell’Afghanistan. In Italia è arrivato con un traghetto partito dalla Grecia, dopo aver attraversato la penisola balcanica.

Affidato ad una struttura per minori

I sanitari del pronto soccorso di Imola hanno visitato il 15enne, visibilmente denutrito, ma non in gravi condizioni.

Trattandosi di un minore, sono intervenuti i servizi sociali. Il ragazzo è stato quindi momentaneamente collocato in una struttura per minori abbandonati.

Intanto, le forze dell’ordine stanno cercando di risalire all’identità delle persone che hanno viaggiato con lui e lo hanno poi abbandonato al casello autostradale di Imola.

“Aveva i pantaloncini corti ed era infreddolito”

ha raccontato il proprietario della casa dove il ragazzo ha trovato una prima accoglienza.