Home News Imperia, percepiscono Reddito di cittadinanza: scoperti a giocare d’azzardo

Imperia, percepiscono Reddito di cittadinanza: scoperti a giocare d’azzardo

CONDIVIDI

Venti persone sarebbero indagate ad Imperia: percepivano il reddito di cittadinanza ma lo sperperavano al gioco d’azzardo online.

Gioco d'azzardo con reddito di cittadinanza

La Procura di Imperia ha aperto un’inchiesta, sarebbero centinaia di migliaia di euro i fondi percepiti illegalmente e giocati d’azzardo.

Gioco d’azzardo con i soldi del reddito di cittadinanza

L’incredibile vicenda arriva dalla provincia di Imperia dove é stata avviata un’indagine della Procura per presunte irregolarità nella fruizione del Reddito di Cittadinanza.

A renderlo noto é stata la Guardia di Finanza come riporta anche l’Ansa e le persone indagate sarebbero almeno una ventina.
I fatti risalgono al 2019/2020 e coinvolgono alcuni cittadini che avrebbero avuto l’abitudine di giocare d’azzardo online somme anche consistenti.

I 20 cittadini imolesi però avrebbero truffato lo Stato dichiarando di essere indigenti per poter percepire il sussidio a sostegno delle situazioni economicamente disagiate.
L’inchiesta coordinata dalla Procura e gestita dalla GdF ha seguito un preciso iter, attuando delle verifiche sui conti bancari dei sospettati.

Secondo quanto emerge infatti, gli indagati ricaricavano dai loro conti bancari o tramite carte prepagate con bonifici, giroconti e contanti, i loro account di gioco online per poi poter effettuare le “puntate”.

L’inchiesta della GdF: cosa rischiano gli indagati

L’ipotesi della Guardia di Finanza è però che gli interessati abbiano occultato delle fonti di reddito. Avrebbero infatti dichiarato di essere in condizione di indigenza e di avere dunque i requisiti necessari nei moduli previsti per la domanda del reddito di cittadinanza.

Gli inquirenti che hanno seguito le indagini hanno già effettuato il sequestro preventivo delle presunte somme percepite illegalmente, per un totale di 160 mila euro.

Per loro l’accusa è di dichiarazioni fasulle a scopo di ottenere benefici economici e potrebbero rischiare dai due ai sei anni di condanna penale. I 20 di Imperia sarebbero inoltre già stati segnalati all’Inps e si vedranno revocato il Reddito di cittadinanza percepito fino ad ora.