Home News Il ponte San Giorgio di Genova è bird friendly secondo la LIPU

Il ponte San Giorgio di Genova è bird friendly secondo la LIPU

CONDIVIDI

Secondo la Lipu il ponte di San Giorgio di Genova è bird friendly cioè sicuro per gli uccelli. Sui pannelli trasparenti sono state messe delle protezioni, per evitare lo schianto degli uccelli.

Il ponte San Giorgio di Genova è bird friendly secondo la LIPU

Il ponte San Giorgio di Genova è bird friendly secondo l’associazione Lipu BirdLife Italia. Questo è stato possibile grazie alla collaborazione con Renzo Piano in fase di progettazione. L’architetto ha permesso l’inserimento di alcune marcature sulle barriere trasparenti di protezione, in modo da evitare che gli uccelli possano impattare contro le vetrate. Rendono visibili queste barriere ai volatili che non le notano in volo, evitano schianti pericolosi o fatali.

L’importanza di quest’opera

Secondo i dati della Lipu le barriere trasparenti sono un vero pericolo per gli uccelli, dato che annualmente trovano la morte 800 uccelli per chilometro solo sulle nostre autostrade. Le costruzioni che impiegano pannelli di vetro trasparenti, vetro, pale eoliche e elettrodotti sono una delle maggiori minacce per la sopravvivenza degli uccelli. La continua crescita dell’uso del vetro nell’espansione urbanistica, fa aumentare la moria degli uccelli.

Come spiega Aldo Verner, presidente della Lipu:

“La valle del Polcevera dove sorge il nuovo ponte è un’importante via di migrazione per gli uccelli selvatici. Grazie dunque a questo intervento pensiamo di poter salvare un gran numero di esemplari appartenenti anche a specie rare e minacciate”.

Si auspica che questo tipo di intervento possa aiutare a mitigare l’impatto che le infrastrutture hanno sulla vita dei volatili selvatici. I pannelli sono stati “decorati” con stampe serigrafiche di linee orizzontali nere di due millimetri, tre centimetri l’una dall’altra.

Si tratta di una soluzione simile a quanto suggerito dal manuale “Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli”, edito dalla Stazione ornitologica svizzera. Questo testo è considerato come il riferimento per costruire in maniera più rispettosa degli uccelli e alla sua stesura ha partecipato anche la Lipu.