Home News Il PIL della Gran Bretagna ha subito una contrazione del 21% da...

Il PIL della Gran Bretagna ha subito una contrazione del 21% da aprile a giugno

CONDIVIDI

PIL della Gran Bretagna in calo, il paese precipiterà in una profonda recessione economica: è la prima volta dalla crisi finanziaria del 2008.

PIL Gran Bretagna

L’economia del Regno Unito si è contratta del 20,4% nel secondo trimestre del 2020, rispetto ai tre mesi precedenti.

Il PIL (prodotto interno lordo) è cresciuto dell’8,7% a giugno con l’allentamento delle misure restrittive, dopo aver mostrato un lieve recupero dell’1,8% a maggio dopo la contrazione del 20,4% di aprile.

Il crollo del secondo trimestre è il peggiore mai registrato e segue una contrazione del 2,2% nel primo trimestre.

Gli analisti si aspettavano un calo del 20,5%, secondo un sondaggio Reuters. Due periodi consecutivi di contrazione significano che l’economia britannica sta entrando in una fase di recessione tecnica.

Servizi, costruzioni e produzione hanno tutti registrato cali trimestrali record, in particolare nei settori più esposti alle restrizioni governative, secondo l’Office for National Statistics (ONS).

“L’economia ha iniziato a riprendersi a giugno con la riapertura dei negozi, le fabbriche che hanno iniziato a incrementare la produzione e l’edilizia abitativa che continua a riprendersi”,

ha sottolineato Jonathan Athow, Vice National Statistical for Economic Statistics ONS.

“Nonostante ciò, il PIL di giugno rimane ancora un sesto al di sotto del livello di febbraio, prima che il virus colpisse”.

Crollo PIL Gran Bretagna: gli effetti del Covid-19

La contrazione trimestrale della Gran Bretagna è di gran lunga la più profonda tra le economie avanzate comparabili. Il PIL francese si è contratto del 13,8%, l’Italia del 12,4%, la Germania del 10,1%, il Canada del 12%, gli Stati Uniti del 9,5% e il Giappone del 7,6%.

Mercoledì mattina, in un’intervista a Sky News, il Ministro delle finanze del Regno Unito Rishi Sunak ha affermato che la spiegazione principale di ciò è stata la “composizione” dell’economia britannica.

“Le attività sociali, ad esempio uscire per un pasto, andare al cinema, fare shopping, questo genere di cose costituiscono una quota molto maggiore della nostra economia rispetto alla maggior parte dei nostri paesi europei di confronto”,

ha sottolineato lo stesso Sunak.

L’ONS ha osservato che le sue stime sono soggette a maggiore incertezza, a causa delle difficoltà incontrate nella raccolta dei dati a causa delle restrizioni di salute pubblica.