Home Salute & Benessere Il latte materno protegge i bambini: ecco come

Il latte materno protegge i bambini: ecco come

CONDIVIDI

Il latte materno ha tanti benefici per il bambino, soprattutto in relazione ai batteri nocivi.

latte materno
latte materno

Latte materno: uccide i batteri nocivi

Un recente studio, completato presso l’Università di Helsinki, ha studiato la quantità e la qualità dei batteri resistenti agli antibiotici nel latte materno e nell’intestino delle coppie madre-bambino, ottenendo tre risultati.

In primo luogo, i bambini allattati al seno per almeno sei mesi avevano un numero inferiore di batteri resistenti nell’intestino rispetto ai bambini allattati al seno per un periodo più breve o per niente.

In altre parole, l’allattamento al seno sembrava proteggere i bambini da tali batteri.

In secondo luogo, il trattamento antibiotico delle madri durante il parto ha aumentato la quantità di batteri resistenti agli antibiotici nell’intestino infantile.

Questo effetto era ancora evidente sei mesi dopo il parto e il trattamento.

La terza scoperta, nel frattempo, è stata che il latte materno contiene anche batteri resistenti agli antibiotici e che è probabile che la madre trasmetta al bambino attraverso il latte.

Tuttavia, l’allattamento al seno ha ridotto il numero di batteri resistenti nell’intestino infantile, un’indicazione dei benefici dell’allattamento al seno per i bambini.

Batteri resistenti agli antibiotici trovati nel latte materno

La microbiologa Katariina Pärnänen della Facoltà di Agraria e Silvicoltura dell’Università di Helsinki ha studiato con i suoi colleghi il latte materno e la materia fecale di 16 coppie madre-bambino.

Il DNA nel latte e nelle feci è stato sequenziato o il suo codice genetico è stato decodificato.

Tuttavia, lo studio non si è concentrato sul DNA della madre trovato nel latte.

Piuttosto, i ricercatori si sono concentrati sul DNA batterico e sui geni nel latte. Finora hanno creato la più ampia libreria di sequenze di DNA del latte materno.

L’obiettivo specifico dello studio era il numero di geni di resistenza agli antibiotici (ARG).

Tali geni rendono i batteri resistenti a determinati antibiotici e sono spesso in grado di trasferirsi tra i batteri.

I singoli batteri possono avere diversi geni di resistenza agli antibiotici, rendendoli resistenti a più di un antibiotico.

Lo studio ha dimostrato per la prima volta che il latte materno contiene effettivamente un numero significativo di geni che forniscono resistenza agli antibiotici per i batteri.

Questi geni, così come i loro batteri ospiti, sono molto probabilmente trasmessi ai neonati nel latte.

Le madri trasmettono alla progenie batteri resistenti agli antibiotici che risiedono nel proprio intestino anche in altri modi, ad esempio attraverso il contatto diretto.

Tuttavia, solo alcuni dei batteri resistenti trovati nei neonati hanno origine nelle loro madri.

Il resto era probabilmente proveniente dall’ambiente e da altri individui.

Latte della mamma: un vero beneficio per i piccoli

Lo studio, tuttavia, supporta l’idea che l’allattamento al seno sia benefico per i bambini.

Sebbene il latte materno contenga batteri resistenti agli antibiotici, gli zuccheri nel latte forniscono sostentamento ai batteri intestinali benefici del bambino.

Tra questi i bifidobatteri, che vengono usati come probiotici.

Il latte materno aiuta batteri così utili a guadagnare terreno da agenti patogeni resistenti.

Ciò spiega il motivo per cui i bambini che sono stati allattati per almeno sei mesi hanno meno batteri resistenti agli antibiotici nell’intestino rispetto ai bambini che sono stati allattati per un periodo più breve.

Come regola generale, si potrebbe dire che l’allattamento al seno è il meglio“, afferma Pärnänen.

L’effetto positivo dell’allattamento al seno era identificabile anche nei neonati a cui era stata somministrata una formula in aggiunta al latte materno”

“L’allattamento al seno parziale sembrava già ridurre la quantità di batteri resistenti agli antibiotici”.

E aggiunge: “Un’altra scoperta è stata quella relativa al fatto che l’allattamento dovrebbe essere portato avanti per almeno i primi sei mesi della vita di un bambino o anche di più”.

“Abbiamo già saputo che l’allattamento al seno è tutto sommato salutare e benefico per il bambino, ma ora abbiamo scoperto che riduce anche il numero di batteri resistenti agli antibiotici“.