Home Cronaca Il latitante Mirko Oro, ex proprietario di Compro Oro fermato in Svizzera

Il latitante Mirko Oro, ex proprietario di Compro Oro fermato in Svizzera

CONDIVIDI

Mentre era in fuga, Mirko Oro si prendeva gioco delle forze dell’ordine, su di lui gravava un mandato di cattura europeo che gli è stato fatale.

Il latitante Mirko Oro arrestato in Svizzera.

I video degli sberleffi pubblicati su TikTok.

“Non mi prenderete mai”

Il suo nome è Mirko Rosa, ma è conosciuto come “Mirko Oro”, 46enne imprenditore ed ex titolare di negozi di compro oro.

L’arresto del latitante è avvenuto in Svizzera.

Il mandato di cattura era internazionale. Una volta saputo che era stato emesso, si era dato alla fuga.

Molte le voci a carico dell’uomo che come riferisce Leggo.it, era ricercato per reati di: truffa, oltre che per maltrattamenti alla famiglia e procurate lesioni personali.

Nella lista del cumulo di reati ascritti a suo carico, Mirko Rosa ha anche: l’uccisione di animali, riciclaggio, simulazione di reato e per concludere resistenza a pubblico ufficiale.

Usava i social per depistare

L’imprenditore aveva studiato un mezzo mediante il quale, oltre a prendere in giro le forze dell’ordine, postava video sui social che lo facevano sembrare essere altrove.

Sono stati video come quelli su TikTok che lo hanno fatto scoprire:

“maresciallo sprecate soldi, non mi prenderete mai”.

Intanto i militari, ottenuto un mandato di arresto europeo lo hanno raggiunto a Lugano, dove ora si trova in arresto in attesa di essere estradato in Italia.

E’ stato rintracciato grazie alla collaborazione tra la Polizia Cantonale di Mendrisio e il Reparto Operativo varesino.

Nel frattempo i carabinieri stanno indagando anche su possibili responsabilità da parte di terze persone che potrebbero aver agevolato la latitanza dell’uomo.

Uno degli eccessi dell’ex re dei negozi “compro oro”, balzato agli onori della cronaca per le sue attività, era quello di girare per le strade di Lugano su una limousine sulla cui fiancata era scritta una bestemmia.